http://specchioeconomico.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.2017.UbiWelfare-apr2017gk-is-182.jpglink
http://specchioeconomico.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.assosommgk-is-182.jpglink
http://specchioeconomico.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.2017.banner-Casa-It-2017gk-is-182.jpglink
http://specchioeconomico.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Terna_Banner-2016.banner-COBAT_01-2017gk-is-182.jpglink
http://specchioeconomico.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.banners.cbill_09-16gk-is-182.jpglink
http://specchioeconomico.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.Artemisia-gen-2015gk-is-182.jpglink
http://specchioeconomico.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.bannerTorVergata-nov-2015gk-is-182.jpglink
http://specchioeconomico.com/modules/mod_image_show_gk4/cache/banners.banner-IDSnewgk-is-182.jpglink

SCARICA I VOLUMI

ScaricaVolumiCorrierista

A+ A A-

Fiaip - Mercato immobliare in ripresa

Paolo Righi, presidente nazionale della Fiaip Paolo Righi, presidente nazionale della Fiaip

Prosegue la tenue ripresa del mercato immobiliare nel 2017. Le compravendite di abitazioni in Italia - secondo il Rapporto sul mercato immobiliare della Fiaip, presentato insieme ad Enea ed I-com - nel 2016 hanno segnato un’ulteriore crescita proseguendo il cammino della ripresa iniziato negli ultimi anni. Ma siamo ancora lontani dal poter cantare vittoria: all’aumento del numero delle transazioni che proseguono, non ha fatto seguito una crescita stabilizzata dei prezzi, e permane invece il trend discendente in molte città metropolitane. In generale il mercato indica rispetto all’anno precedente un andamento medio dei prezzi in diminuzione (-2,28 per cento) per le abitazioni. Più marcata la diminuzione dei prezzi per i negozi (-6,70 per cento) e per gli uffici (-5,96 per cento). Per quanto riguarda il numero delle transazioni immobiliari si rileva un aumento del 16, 44 per cento per il residenziale, mentre sono ancora in territorio negativo i negozi (-1,4 per cento) e gli uffici (- 2,50 per cento). L’Osservatorio immobiliare della Fiaip, la Federazione Italiana degli agenti immobiliari professionali, parla di segnali positivi, ma ancora in assestamento, e resta appunto il divario fra prezzi richiesti e prezzi di realizzo. Buoni segnali per il mercato, inoltre, si registrano da parte degli agenti sulla contrazione dei tempi di vendita e la riduzione dello sconto medio praticato. Per quanto riguarda le locazioni, rispetto al 2015, si registra un aumento dei contratti di locazione (+15,6 per cento) per le abitazioni, mentre i prezzi medi hanno subito una flessione più moderata (-0,80 per cento) per il settore residenziale, mentre permane una forte diminuzione per il settore commerciale, (-7,73 per cento) per i capannoni, per gli uffici (-6,31 per cento), per i negozi (-7,16 per cento). La domanda di abitazioni per Fiaip è infatti cresciuta a livello nazionale di circa il 10 per cento interessando tutti i capoluoghi di regione, in special modo tra chi intende acquistare una prima casa (52 per cento) e sono sempre più coloro che si rivolgono oggi agli agenti immobiliari per investire in immobili.    

Contatore AC aprile 2017

blue green orange red

© 2012 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Victor Ciuffa