Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • editori - Specchio Economico

Triboo annuncia l’acquisizione degli asset editoriali di Blogo.it e ne prepara il rilancio grazie all’integrazione con i propri siti verticali. Blogo.it vanta un portfolio di siti web che nel 2017 ha raggiunto un’audience di 170 milioni di utenti e oltre 250 milioni di accessi.

Si tratta di un’ulteriore acquisizione in campo editoriale per Il Gruppo Triboo, già protagonista in passato di operazioni quali l’integrazione del Gruppo HTML e di Brown Editore. L’azienda rafforza così il proprio...

  • Creato il .

Maria Giovanna Mazzocchi e Sofia Bordone, rispettivamente presidente e amministratore delegato di Editoriale Domus, annunciano una profonda e strategica riorganizzazione interna: da gennaio prossimo con l’obiettivo di coordinare e sviluppare le attività di business inerenti i prodotti e i servizi dell’intero ambito media nasce infatti la business unit Media cui faranno riferimento tutti i brand management attinenti al mercato b2c del gruppo e la direzione delle aree Digital Marketing, Eventi...

  • Creato il .

Anci, Associazione nazionale comuni italiani, e Fieg, Federazione italiana editori giornali, hanno sottoscritto oggi a Roma un protocollo d’intesa per salvaguardare la rete delle edicole e trasformarla in rete di servizi al cittadino. A tal fine le amministrazioni comunali, a partire dai comuni capoluogo di regione e provincia, dovranno ridurre considerevolmente i canoni delle edicole per le occupazioni permanenti e temporanee di suolo pubblico ed esonerare dall’imposta le locandine editoriali...

  • Creato il .

di VICTOR CIUFFA

 

Fra i più illustri giornalisti italiani, dopo un’intensa carriera al vertice dei più prestigiosi quotidiani e periodici nazionali, per la sua competenza, preparazione ed esperienza Giulio Anselmi è stato scelto dagli editori addirittura al vertice della loro categoria, ovvero la Federazione Italiana Editori Giornali, oltreché alla presidenza dell’ANSA, la maggiore agenzia di stampa italiana a servizio dei giornali voluta e sostenuta dagli stessi editori. Laureato in...

  • Creato il .

«Esprimo il più profondo apprezzamento per l’operazione condotta dal Nucleo Speciale Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza che rappresenta un segnale significativo di sensibilità e di impegno concreto nell’attività di tutela dei diritti d’autore. Solo un’efficace protezione del contenuto editoriale e l’applicazione di regole chiare, in condizioni di effettiva concorrenza, possono garantire la sopravvivenza di un’informazione libera e di qualità». Così il presidente della Federazione...

  • Creato il .

L’opinione del Corrierista

Sono trascorsi vari mesi dal cambiamento del direttore del Corriere della Sera Ferruccio de Bortoli. Scorrono veloci le settimane con il nuovo, Luciano Fontana, ma certamente è ancora presto per esprimere un giudizio e in particolare per confrontare il Corriere di prima con quello di dopo il cambiamento. Occorre infatti ben più tempo per manifestare anche una sola impressione comparativa tra il «vecchio» e il «nuovo corso», ammesso che già si possa. Oltre ai lunghi...

  • Creato il .

L'opinione del Corrierista

Che deve pensare un appassionato lettore del Corriere della Sera dell’appello lanciato lo scorso mese dal Comitato di Redazione agli azionisti e agli amministratori del Gruppo RCS, per «fermare la svendita di Via Solferino», sede storica del giornale, al fondo americano Blackstone? Che deve pensare questo lettore, dopo quanto in questi mesi ha letto su usi e costumi dei giornalisti del maggiore quotidiano nazionale? Usi e costumi non molto diversi da quelli dei...

  • Creato il .

L’opinione del Corrierista

Sin dall’esordio, nell’ottobre 1900, Luigi Albertini imprime al «Corriere della Sera» un orientamento e una linea politica decisamente antigiolittiani data l’autorevolezza raggiunta dal quotidiano, che avrà conseguenze sulla tenuta del sistema istituzionale, allorquando l’avvento della folla nella vita politica e la diffusione della demagogia estremista determineranno la fine delle libertà.
Giolitti, comunque lo si voglia giudicare, fu un liberale vocato al...

  • Creato il .

L'opinione del Corrierista

C' è un giornale abbastanza diffuso a Roma che pubblica quotidianamente un commento a qualche «fatto del giorno», un commento lungo al massimo una decina o dozzina di righe. I pretesti sono banali ed ancor più i commenti. Che cosa può contenere infatti di nuovo, di intelligente, di informativo e di educativo, un pensierino scritto da una «firma» su un fatto che, se lo sceglie lui e lo tratta così facilmente e brevemente, significa che è avvenuto e che ne è stata...

  • Creato il .

L’opinione del Corrierista


A metà dello scorso luglio l’università on line eCampus con sede nella centralissima Via del Tritone di Roma, in occasione del tredicesimo anniversario della  scomparsa, ha dedicato ad Indro Montanelli un convegno sul tema «Serata Montanelli. Uomo libero, tenace, appassionato». Una commossa rievocazione del grande giornalista abbinata alla presentazione del libro «Tutte le speranze, Montanelli raccontato da chi non c’era». Autore è Paolo Di Paolo, finalista del...

  • Creato il .

Vorrei raccontare o ricordare all’ex direttore del Corriere della Sera Piero Ostellino un episodio avvenuto negli anni 80, all’incirca nel periodo in cui egli lo dirigeva e comunque quando il giornale era di proprietà assoluta degli Agnelli. La cronaca di Roma del Corriere pubblicò, come tutti i quotidiani, la notizia di un incidente occorso a un autobus Inbus uscito di strada per cause non accertate. Si poteva ipotizzare un guasto meccanico, un bicchiere in più dell’autista, la necessità di...

  • Creato il .

L’opinione del Corrierista


Alla fine dello scorso mese di settembre il Corriere della Sera si è presentato ai lettori in una nuova veste grafica il cui principale aspetto è costituito dalle ridotte dimensioni delle pagine. In tal modo, pur essendo, da oltre un secolo, il primo giornale d’Italia in tutto, è giunto per ultimo a quella che dovrebbe essere una riforma diretta al miglioramento della lettura e, ovviamente, dei contenuti. Dovrebbe essere un merito del Corriere essere il primo anche...

  • Creato il .

L’opinione del Corrierista

 

«Senza lettura non c’è crescita». La filiera «Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione» ha ideato questo promettente e affascinante tema da dibattere a Roma il 26 febbraio scorso, nel Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, complesso acquisito negli scorsi anni, all’epoca delle «vacche grasse», dal Senato della Repubblica aumentando spese e costi degli organi para-istituzionali; è situato in una cornice irripetibile, a confine con il Pantheon, il...

  • Creato il .

L’opinione del Corrierista

Son trascorsi 140 anni da quella prima domenica di Quaresima, 5 marzo 1876, quando, alle ore 21, vennero distribuite a Milano, in Piazza della Scala, le prime copie del neonato Corriere della Sera. Fu Eugenio Torelli-Viollier l’ideatore e il primo direttore del quotidiano destinato a diventare il quotidiano più letto ed autorevole. Gli inizi non lasciavano immaginare il successo di quei quattro fogli, in secondo piano rispetto ad altre più solide testate, vedi il...

  • Creato il .

L'opinione del Corrierista

Mi basta leggere le prime quattro righe dell’articolo di Romano Bartoloni dal titolo «L’Ordine ridotto a uno zombie» per sottoscrivere subito la sua iniziale affermazione: «L’ordine dei giornalisti, come peraltro gli altri ordini professionali, non è stato sciolto dalle leggi, ma sarebbe più dignitoso che lo fosse. Se pure era un inutile carrozzone sforna-disoccupati, adesso è un carrozzone inutile, malridotto e impotente; che scarica illusi e senza lavoro sul...

  • Creato il .

L'opinione del Corrierista

A volte la categoria degli editori di giornali, in special modo dei quotidiani, cerca a tutti i costi di farsi del male da sola. Ad esempio sostenendo che la carta stampata va morendo, sia per la diffusione di altri strumenti di comunicazione, informatici e telematici, sia, soprattutto ora, se il Governo e soprattutto i politici da questa infastiditi, insistono nel ridurre le cosiddette «provvidenze per l’editoria». Certamente il programma del Governo Monti è...

  • Creato il .

L'opinione del Corrierista

Giornali in agonia? 58 aziende editoriali nel 2012 hanno dichiarato lo stato di crisi e almeno 1.139 giornalisti sono stati colpiti da provvedimenti diretti a ridurre i costi. Tuttora tagli e ristrutturazioni colpiscono pesantemente il settore. Nel 2013 si prospetta il bis, anzi di più. La crisi più clamorosa appare quella del Gruppo Rcs, ossia Rizzoli-Corriere della Sera. Annunciando il piano elaborato per fronteggiarla, l’amministratore delegato Pietro Scott...

  • Creato il .

L'opinione del Corrierista

Sembra un paradosso, anzi lo è. Mentre aumentano smisuratamente le fonti di informazione -basta pensare alla fioritura inarrestabile di strumenti on line cioè giornali, blog, twitter, siti ecc. -, di fatto vanno riducendosi le notizie «vere» fornite al lettore che si reca all’edicola ed acquista il «quotidiano». Le fonti di informazione vanno riducendosi perché, dinanzi al calo delle vendite di copie cartacee causato dalla crisi che ha colpito indistintamente...

  • Creato il .

L'opinione del Corrierista

Per i giornalisti italiani questo è un periodo veramente triste. Non tanto per quello che avviene nel loro ambiente, ma soprattutto per quello che si sente dire e che si legge in giro; per quelle credenze che proprio loro, gli stessi giornalisti, diffondono tramite giornali, internet ed emittenti pubbliche e private. Ovunque, infatti, si annuncia l’agonia della carta stampata, si citano dati catastrofici, crolli di vendite, moria di testate, introiti pubblicitari...

  • Creato il .

L'opinione del Corrierista

Con grande entusiasmo gli organi sindacali rappresentativi dei giornalisti, compresi quelli istituzionali come gli Ordini, hanno esultato per l’approvazione di una legge nazionale che fissa il cosiddetto «equo compenso» per le prestazioni dei giornalisti cosiddetti freelance, ossia autonomi, e precari, non legati ad aziende editoriali da contratti di lavoro subordinato. Se si conosce quanto alcuni, anche grandi, giornali nazionali pagano le collaborazioni a questa...

  • Creato il .

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa