Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Ubaldo Pacella - Specchio Economico

Corre sui binari ad alta velocità la concorrenza. Saranno due società -Trenitalia ad azionariato pubblico totalmente nazionale e NTV il concorrente privato con un 20 per cento del capitale delle ferrovie francesi SNCF- a misurarsi sui binari di quello che possiamo ben definire il gioiello infrastrutturale delle ferrovie italiane: il sistema AV, capace di rilanciare il treno, rinnovandone l’immagine, offrendo servizi di qualità, attirando l’attenzione non solo dei viaggiatori, ma dell’intera...

  • Creato il .

a cura di UBALDO PACELLA

Il trasporto aereo in Italia è percorso da una trama di precarietà che ne mina la competitività, acuisce i problemi di vecchia data, condiziona la fragilità dei vettori come del sistema aeroportuale, con il risultato di imbrigliare ogni strategia, impedendo quelle scelte coraggiose che sole possono favorire un rilancio concreto e integrato del settore, recuperando valore, occupazione, qualità dei servizi, accessibilità del Paese. Una politica del trasporto aereo appare...

  • Creato il .

a cura di UBALDO PACELLA

Aleggia ovunque un diffuso grigiore, una sorta di oscuro presagio grava sul mondo dei trasporti, come quei nembi equatoriali impregnati di umidità, carichi di energia che, prima o poi, è destinata a sprigionarsi investendo con grande veemenza o mettendo a soqquadro persone, attività, oggetti, senza che in apparenza vi si possa porre riparo. La crisi dell’Alitalia, i problemi insoluti da anni del trasporto pubblico con scioperi degli autonomi che si ripetono...

  • Creato il .

a cura di UBALDO PACELLA

Il sistema integrato delle reti fondamentali dei trasporti, dell’energia e delle telecomunicazioni costituisce la spina dorsale del complesso produttivo europeo. Occorre superare la visione novecentesca di servizi al cittadino e all’impresa e concentrare l’attenzione su questi tre grandi sistemi a rete nei quali si coagulano, di fatto, tutte le principali attività economiche e sociali espressione di un’avanzata civiltà post-industriale come quella europea. È facile...

  • Creato il .

a cura di UBALDO PACELLA

L'eclissi anticipata del Governo di Mario Monti ha di fatto spento sul nascere la strategia energetica nazionale impostata con impegno e caparbietà dal dicastero dello Sviluppo Economico e fortemente voluta dal ministro Corrado Passera. Il documento programmatico richiede incisive correzioni di rotta, peraltro già ampiamente tracciate nel corso di un apprezzato confronto pubblico sollecitato via web, nonché da una fitta ragnatela di incontri con gli operatori insieme...

  • Creato il .

a cura di
UBALDO PACELLA

 

Le tecnologie avanzate, la ricerca di sistema, le attività ad elevato valore aggiunto rappresentano per l’Italia il cardine di ogni possibile rilancio. Una crisi industriale che sta minando la coesione sociale e gli assetti produttivi necessita di risposte qualitative. Poche sono purtroppo le imprese ad alto contenuto tecnologico; saranno comunque queste la chiave di volta del futuro. Vitrociset risponde, nei suoi diversi asset, a questo profilo: azienda dinamica...

  • Creato il .

Alberto Brandani: manager di lungo corso, ha amministrato per oltre vent’anni il Monte Paschi di Siena; presidente di assicurazioni, banche estere ed aziende quotate in borsa, già nel Consiglio di amministrazione dell’Anas e poi delle Ferrovie dello Stato Italiane, è ora impegnato come presidente di Federtrasporto, che raccoglie le associazioni di operatori e gestori di infrastruttura del settore trasporti, logistica e turismo aderenti alla Confindustria. Costituita nel 1993, la Federazione è...

  • Creato il .

a cura di
UBALDO PACELLA

È uno dei pochi gioielli rimasti all’industria italiana avanzata, punto di riferimento per progetti integrati di alta gamma a livello mondiale nel settore dei servizi satellitari e nella geoinformazione. Telespazio è una società costituita da Finmeccanica che ne controlla il 67 per cento del capitale, e dai francesi di Thales con il 33 per cento, impiega circa 2.500 unità lavorative e conta su una rete internazionale di centri spaziali e teleporti. Opera in campo...

  • Creato il .

Il futuro si disputa sul terreno dei flussi informativi delle reti immateriali. L’Italia arranca e non tiene il passo con i concorrenti europei in materia di telecomunicazioni. La crescita del Paese si gioca invece proprio su questo campo. Salire sul treno in corsa è una necessità ineludibile. Vediamo cosa si sta pensando di fare per cogliere questa estrema opportunità. Digital divide, banda ultralarga, «newco» per la creazione delle infrastrutture e ad oggi i progetti per la rete di nuova...

  • Creato il .

La tecnologia digitale modifica radicalmente i sistemi di produzione. L’innovazione conosciuta come «Industria 4.0» o meglio come «internet delle cose» cambia radicalmente la fisionomia delle fabbriche tant’è che si parla ormai da più parti di quarta rivoluzione industriale.
Un argomento centrale per un Paese manifatturiero come l’Italia, messo a dura prova da una estenuante e non risolta crisi economica, tuttavia indispensabile per una efficace strategia di rilancio. Abbiamo un gap in questo...

  • Creato il .

La soluzione dovrebbe essere quella di una società partecipata da tutti gli operatori del settore come proposto da Cassa Depositi e Prestiti, ma che è stata subito bocciata da Telecom. Il problema nasce dal fatto che esistono zone definite in gergo tecnico «market failure», assai diffuse in Italia, e proprio lì il Governo chiede di investire ed offre fondi. La sfida pubblica è far crescere la domanda forzando processi digitali. Rappresenta ormai un dovere per lo sviluppo nazionale, e proprio in...

  • Creato il .

Un grande piano strategico destinato a cambiare, in profondità, il sistema italiano della mobilità su terra, realizzando quell’integrazione modale di cui si scrive e si parla da decenni, ma che nessuno Governo, enti locali, aziende è mai riuscito a realizzare. È questa l’ambizione delle Ferrovie dello Stato Italiane secondo le indicazioni dell’amministratore delegato Renato Mazzoncini.
Emerge il profilo di un’impresa innovativa, verrebbe da dire titanica per chi da decenni si confronta con le...

  • Creato il .

a cura di
UBALDO PACELLA

Storica società di navigazione pubblica, dopo decenni di sprechi, perdite e disservizi la Tirrenia è stata privatizzata nel luglio del 2012. Separate nel 2008 le attività delle controllate regionali Caremar Siremar, Saremar e Toremar e cedute alle Regioni perché gestissero loro direttamente la privatizzazione delle società di interesse locale che assicurano i collegamenti con le isole minori - Campania, Lazio, Sicilia, Sardegna e Toscana - restava da trovare un acquirente...

  • Creato il .

a cura di
UBALDO PACELLA

 

L'energia, le fonti di approvvigionamento, il sistema della produzione e distribuzione con i costi relativi costituiscono il cuore di un sistema industriale avanzato. Una cruciale importanza strategica, ancor più rilevante per un’economia di trasformazione come quella italiana che, seppur malandata e frustata dalla più grave crisi economica di sistema, poggia sull’impresa manifatturiera, come non manca quotidianamente di ricordare il presidente di Confindustria...

  • Creato il .

a cura di UBALDO PACELLA

Il sistema elettro-energetico italiano segna uno stallo preoccupante, attraversato com’è interamente dalla gravissima crisi che schianta l’economia, modifica gli scenari, tratteggia un declino capace di mettere a serissimo rischio le due imprese multinazionali più importanti del Paese, Enel ed Eni, di fatto i soli pilastri internazionali forti e credibili che ci restano da spendere. Lo stallo più tragico che preoccupante della politica nostrana, all’indomani delle...

  • Creato il .

Le ali di una cangiante farfalla sono in grado di librarsi nell’aria con volute preziose, in un minuetto fascinoso, eppure incapaci di sorreggere altro peso se non quello elegante dell’essere che le muove. Così, nel migliore dei casi, si presentano gli aeroporti italiani. Terminal aerei autoreferenziali, centri di traffico al servizio di interessi locali, collocati troppo spesso in territori la cui vocazione sociale ed economica appare del tutto insufficiente a garantirne lo sviluppo. Nati e...

  • Creato il .

Le alte tecnologie rappresentano la frontiera dello sviluppo delle società avanzate. Investire in settori strategici dell’innovazione significa entrare a far parte o, in alternativa, restare nel cosiddetto Inner Circle internazionale, laddove si determinano e si controllano gli scenari geo-economici di lungo periodo. Nell’ambito della ricerca aerospaziale e delle telecomunicazioni, l’Italia è stata punta di diamante dagli anni 60, tra le nazioni più competitive a livello mondiale. Oggi questa...

  • Creato il .

Volti noti, alcuni già conosciuti perché parte dell’establishment a tinte rosa, altri ben definiti tra gli addetti ai lavori e nei mercati internazionali. «Innovare nella continuità» potrebbe essere questo lo slogan coniato per le nomine volute dal Governo di Matteo Renzi nelle cinque più grandi imprese italiane, quelle che rappresentano, di fatto, la struttura produttiva e propulsiva dell’economia nazionale: Eni, Enel, Poste, Finmeccanica e Ferrovie dello Stato. La logica seguita dal premier...

  • Creato il .

a cura di
UBALDO  PACELLA

 

L'industria italiana vive una fase di profonda recessione dovuta alla crisi economica che da anni mette a dura prova i mercati mondiali, in particolare quelli europei. Presidente dell’Oto Melara, azienda del settore Difesa facente capo al Gruppo Finmeccanica, l’ing. Carlo Alberto Iardella può valutare dal proprio osservatorio quanto le difficoltà del momento si riflettano sulla produzione e quindi sui bilanci degli esercizi economici interessati. È superfluo...

  • Creato il .

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa