Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Speciali
  • FOCUS ambiente energia sostenibilità - Andrea Boragno: Alcantara, la sostenibilità come valore al di là dei costi
  • 007
  • 001
  • 002
  • 003
  • 004
  • 008
  • 013

FOCUS ambiente energia sostenibilità - Andrea Boragno: Alcantara, la sostenibilità come valore al di là dei costi

ac3899117c9edfbbe5dec95417b4d140.jpg

Fondata nel 1972, marchio registrato di Alcantara SpA e frutto di una tecnologia unica e proprietaria, Alcantara® è un materiale altamente innovativo impiegato in vari campi di applicazione: moda e accessori, automotive, interior design e home décor, consumer-electronics. Grazie a queste caratteristiche, unite ad un serio e certificato impegno in materia di sostenibilità, Alcantara esprime lo stile di vita contemporaneo nel rispetto dell’ambiente. Dal 2009 è certificata «Carbon Neutral», avendo definito, ridotto e compensato tutte le emissioni di CO2. Nel 2011 la rendicontazione è stata estesa all’intero ciclo di vita del prodotto, includendo le fasi di uso e smaltimento. Per documentare tale percorso dell’azienda, ogni anno Alcantara redige e pubblica il proprio bilancio di sostenibilità, certificato da Deloitte e consultabile anche attraverso il sito aziendale

Andrea Boragno, ingegnere chimico, Amministratore Delegato di Alcantara SpA dal 2004 e Presidente della società dal 2006, crede fortemente nel concetto contemporaneo di «beauty everyday», a significare che la bellezza, risultato della combinazione di una serie di fattori - estetica, piacere sensoriale e tecnologia nel rispetto dei valori sociali e ambientali - è un bene di cui fruire in ogni singolo momento della propria vita e giornata. Grazie alla strategia di offrire soluzioni esclusive e altamente personalizzate in un contesto di sostenibilità, il giro d’affari della società è cresciuto passando dai 64.3 milioni del 2009 ai 187 milioni del 2016, senza subire battute d’arresto. In virtù della strategia aziendale, Alcantara si è espansa in modo capillare e globale, con grandi risultati soprattutto in Cina e negli USA. Alcantara ha esportato i valori del Made in Italy tramite la straordinaria abilità nel coniugare tecnologia e artigianalità, basandosi su ricerca e innovazione continue. Questo processo è amplificato da un rapporto estremamente costruttivo con le eccellenze del design internazionale, grazie alle consolidate collaborazioni con designer affermati, avanguardie creative e le più prestigiose istituzioni museali.
Domanda. In che modo Alcantara è «sostenibile»?
Risposta. La sostenibilità è un valore che Alcantara traduce in azioni concrete da più di otto anni. Ogni anno, a partire dal 2009, la nostra società redige e pubblica il bilancio di sostenibilità, sottoponendolo al controllo e alla certificazione di parte terza e indipendente. Dal 2009 Alcantara è certificata «Carbon Neutral», avendo misurato e ridotto le emissioni di CO2 derivanti dal proprio operato, e avendo quindi compensato quelle non altrimenti eliminabili.
D. In quali azioni si traduce questo impegno ambientale?
R. Dal 2009, l’azienda persegue una logica di sviluppo e redditività incentrata sul rispetto e sulla garanzia di un equilibrio sociale, economico e ambientale. Ogni anno destiniamo più del 50 per cento degli investimenti globali ad attività e iniziative legate alla sostenibilità. L’approccio alla sostenibilità è stato, fin dal principio, «valore al di là dei costi». Coinvolgendo l’intera struttura aziendale, nel corso del tempo la sostenibilità è diventata un vero e proprio principio guida, un credo aziendale.
D. Cosa vuol dire essere «Carbon Neutral»?
R. Tra le prime realtà in Europa, Alcantara è stata certificata «Carbon Neutral» nel 2009 da TÜV SÜD: ciò significa avere un bilancio netto di emissioni di gas serra pari a zero. Inizialmente il perimetro di rendicontazione faceva riferimento all’intera filiera produttiva: la «Carbon Neutrality» certificava quindi che l’intero ciclo produttivo di Alcantara, dalle materie prime fino alla consegna del prodotto ai clienti, aveva un bilancio netto di emissioni di CO2 pari a zero. Nel 2011 il perimetro è stato esteso all’intero ciclo di vita del prodotto. Da allora la «Carbon Neutrality» di Alcantara è totale, includendo non soltanto il processo produttivo, ma anche le fasi di uso e smaltimento del prodotto stesso, e tutte le emissioni legate alle attività corporate dell’azienda.
D. In che modo è stato raggiunto tale obiettivo?
R. Grazie all’implementazione di una serie di azioni mirate, tra le quali la misurazione scrupolosa dell’apporto complessivo di CO2 e la riduzione drastica delle emissioni di anidride carbonica. Attraverso le misure intraprese in termini di ammodernamento del parco macchine, di razionalizzazione dei processi, di migliorie agli equipaggiamenti tecnici, di approvvigionamento energetico e di trattamento delle acque di scarico, Alcantara è riuscita a ridurre del 49 per cento le proprie emissioni di CO2.
D. Sono previsti altri progetti?
R. Sì, abbiamo programmato interventi di riduzione della «Carbon Footprint» attraverso la compensazione delle emissioni residue con l’adesione al programma internazionale di compensazione coordinato dall’ONU. Infatti, a completamento del continuo impegno nella riduzione della «Carbon Footprint», dal 2009 Alcantara compensa le emissioni di CO2 che non può abbattere attraverso la partecipazione ad alcuni progetti internazionali che, sotto l’egida e il coordinamento dall’ONU, contribuiscono a migliorare le condizioni del pianeta in senso economico, sociale e ambientale. Così compensiamo le emissioni residue delle nostre attività, raggiungendo un bilancio di emissioni di gas serra che è pari a zero. Come tutti gli impegni in ambito di sostenibilità, anche questa operazione è certificata ogni anno dal TÜV SÜD.
D. Ciò è documentato. Come comunicate all’esterno le vostre azioni di sostenibilità e ne date conto?
R. Dal 2009 Alcantara redige ogni anno il bilancio di sostenibilità, sottoponendolo alla rigorosa verifica e certificazione da parte di Deloitte. Per noi si tratta di un atto di trasparenza che racchiude tutte le nostre iniziative e azioni a favore della salvaguardia dell’ambiente e delle persone. Ogni giorno infatti mettiamo in pratica misure aziendali per ridurre e compensare tutte le emissioni di CO2 derivanti dalle nostre attività, impegnandoci quotidianamente in modo attivo. Il bilancio di sostenibilità si configura pertanto come uno strumento di assoluta apertura e trasparenza da parte di Alcantara nei confronti di tutti i propri stakeholder, un vero e proprio invito a comprendere e approfondire la logica di crescita e sviluppo sostenibile aziendale. Oltre all’annuale bilancio di sostenibilità si aggiungono molteplici attività di «stakeholder engagement», intraprese negli anni con lo scopo di richiamare l’attenzione dei principali interlocutori, in modo trasversale ai settori di business - clienti, partner, fornitori, enti, istituzioni, associazioni, organizzazioni non governative, università, stampa, «influencer» e «opinion leader» - oltre a coinvolgere il grande pubblico intorno a questo tema di rilevanza internazionale. Si tratta di «Alcantara Dialogues. Connect4Climate» del 2013, «Alcantara Magic Garden @ Earth Day» del 2015, quindi tre simposi internazionali: il primo International Symposium «on Sustainability in the Global Automotive Industry: Sustainability and the new automotive value chain» del 2014, il secondo International Symposium «on Sustainability in the Global Automotive Industry: The automotive ecosystem on the global road to sustainability. The Asian perspective» del 2015, entrambi svolti presso la Venice International University, e il terzo International Symposium «on Sustainability and Corporate Value» del 2016 tenutosi presso la Nikkei Hall di Tokyo.
D. Alcantara ha annunciato di recente un piano di espansione per l’incremento della capacità produttiva in Italia. Di cosa si tratta?
R. Il piano di sviluppo prevede un investimento di 300 milioni di euro distribuiti su cinque anni, mirati a raddoppiare la capacità produttiva complessiva di Alcantara SpA. Alla fine del periodo, si prevede che il fatturato superi i 300 milioni di euro, a fronte di un giro d’affari di 187 milioni nel 2016, e che il valore del marchio raggiunga i 300 milioni, rispetto ai 100 stimati da Interbrand nel 2015. Anche il numero degli addetti è previsto in crescita, passando dagli attuali 598 a circa 800 persone. Per soddisfare la domanda del mercato, l’investimento mira a sostenere la continua crescita di Alcantara cominciata nel 2009.
D. Da cosa nasce la decisione di rafforzare la capacità produttiva?
R. Alcantara, materiale prodotto e commercializzato esclusivamente da Alcantara SpA, è un marchio di lusso globale con una gestione e una produzione interamente italiane. Appena introdotto sul mercato Alcantara veniva utilizzato nei settori della moda e dell’arredamento d’interni; il suo impiego si è poi gradualmente diffuso in altri settori tra i quali l’elettronica di consumo, l’aviazione, la nautica e, in particolare, l’automotive. La nostra scelta di rafforzare la capacità produttiva nasce proprio in risposta a una domanda di Alcantara in continua crescita. E, nel momento più critico della crisi economica internazionale, Alcantara ha deciso di andare in controtendenza e investire nella sostenibilità.

Tags: Maggio 2017

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa