Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Rubriche
  • Le Ultimissime
  • TERNA: € 130 MILLION LOAN FROM THE EIB FOR THE “ITALY-FRANCE” INTERCONNECTION PROJECT - TERNA: L’INTERCONNESSIONE “ITALIA-FRANCIA” OTTIENE UN FINANZIAMENTO DA 130 MILIONI DI EURO DALLA BEI

TERNA: € 130 MILLION LOAN FROM THE EIB FOR THE “ITALY-FRANCE” INTERCONNECTION PROJECT - TERNA: L’INTERCONNESSIONE “ITALIA-FRANCIA” OTTIENE UN FINANZIAMENTO DA 130 MILIONI DI EURO DALLA BEI

Rome, 21 July 2017 –Terna and the European Investment Bank (EIB) have signed today an agreement for a € 130 million loan to support investments for the public part of the “Piemonte-Savoia” project, the new 320 kV DC electrical interconnection that will connect Italy and France. The loan, with a duration of 22 years, includes a single tranche at a fixed rate of 1.64%.

"We are very proud of the contribution by the European Investment Bank to this project of strategic importance. It will foster the efficiency and security of the European electricity system, as well as the creation of the single electricity market” said Luigi Ferraris, CEO of Terna. “The interconnection with France is a globally unique and innovative endeavour in engineering solutions, combining sustainability and growth as pillars in Terna's investment plan for the country”.

“This operation confirms the commitment of the European Union bank in the crucial sector of electricity grids and further strengthens its fruitful partnership with Terna: in the last few years we have supported the company in key plans for investment in transmission-grid modernisation and development with a total of one billion of loans”, commented Dario Scannapieco, Vice-President of the EIB.

The high voltage electrical interconnection between Piossasco (Italy) and Grand'Ile (France), known as the "Piemonte-Savoia", provides a total (private and public parts combined) cross-border exchange capacity of 1,200 MW. It is based on the use of unprecedented technology solutions and has been identified by the European Commission as a Project of Common Interest (PCI) at EU level. Totalling 190 kilometres (equally distributed between Italian and French territory), it will be the world’s longest DC underground power line, fully integrated with the transport infrastructure system and effectively “invisible”.

This project also confirms the central role of sustainability in Terna’s investment plans, to the benefit of stakeholders, and is consistent with the growth strategy aimed at combining investment with the goals of maximum-security, minimal environmental impact and lower costs for the system.

The project forms part of the principal EIB lending programmes in the fields of energy and the environment.

After completion of the work – commissioning is expected by the end of 2019 – the "Piemonte-Savoia" power line will be the fourth interconnection between Italy and France and will lead to an approximate 40% increase in exchange capacity between the two countries, strengthening the integration and competitiveness of the electricity market, in line with European strategy. The Italian borders are already amongst the most well connected on the continent, with 25 active electricity interconnections with France, Austria, Slovenia, Switzerland and Greece.

 

 

TERNA: L’INTERCONNESSIONE “ITALIA-FRANCIA” OTTIENE UN FINANZIAMENTO DA 130 MILIONI DI EURO DALLA BEI

Roma, 21 luglio 2017 – E’ stato firmato oggi un accordo tra Terna e la Banca europea per gli Investimenti (BEI) per un finanziamento da 130 milioni di euro a sostegno degli investimenti per la parte pubblica del progetto “Piemonte-Savoia”, la nuova interconnessione elettrica in corrente continua a 320 kV che collegherà l’Italia e la Francia. Il prestito, della durata di 22 anni, prevede una tranche unica a tasso fisso pari all’1,64%. 
Siamo molto orgogliosi del contributo che la Banca europea per gli investimenti offre per questo progetto di rilevanza strategica, che contribuirà all’efficienza e alla sicurezza del sistema elettrico europeo, oltre che alla realizzazione del mercato unico dell’energia elettrica – ha dichiarato Luigi Ferraris, Amministratore Delegato di Terna - L’interconnessione con la Francia è un’opera innovativa e unica al mondo per le soluzioni ingegneristiche adottate, in grado di coniugare sostenibilità e crescita come elementi chiave del piano di investimenti di Terna per il Paese”. 
“Questa operazione conferma l’impegno della banca dell’Unione europea nel settore cruciale delle reti energetiche e rafforza ulteriormente la proficua collaborazione con Terna: negli ultimi anni abbiamo affiancato la società nei principali piani di investimento per l’ammodernamento e lo sviluppo del network di trasmissione elettrico con un miliardo complessivo di finanziamenti”, ha commentato Dario Scannapieco, Vice-Presidente della BEI
L’interconnessione elettrica ad alta tensione tra Piossasco (Italia) e Grand’Ile (Francia), denominata “Piemonte-Savoia”, prevede complessivamente (tra parte pubblica e parte privata) una capacità di scambio sulla frontiera di 1.200 MW. Si basa sull’utilizzo di soluzioni tecnologiche senza precedenti a livello mondiale ed è stato identificato dalla Commissione Europea tra i Progetti di Interesse Comune (PCI) a livello comunitario. Con i suoi 190 chilometri, equamente distribuiti sul territorio italiano e quello francese, sarà il più lungo elettrodotto in corrente continua al mondo in cavo, completamente integrato con il sistema infrastrutturale di trasporto, risultando quindi “invisibile”.
Anche questo progetto conferma la sostenibilità come elemento cardine del piano di investimenti di Terna a beneficio degli stakeholders, oltre ad essere coerente con la strategia di crescita volta a coniugare gli investimenti con gli obiettivi di massima sicurezza, minimo impatto ambientale e riduzione dei costi per il sistema. 
L’operazione rientra altresì nei principali filoni di finanziamento della BEI nei campi energetici e ambientale. 
Ultimati i lavori – l’entrata in esercizio è prevista entro la fine del 2019 – la linea elettrica “Piemonte-Savoia” sarà la quarta interconnessione tra Italia e Francia e consentirà di aumentare di circa il 40% la capacità di interscambio tra i due Paesi rafforzando l’integrazione e la competitività del mercato dell’energia elettrica, in linea con la strategia europea. Già oggi, la frontiera italiana è tra la più connesse a livello continentale, grazie ai 25 collegamenti elettrici attivi con Francia, Austria, Slovenia, Svizzera e Grecia.

 

 

 

Tags: Luglio 2017 Terna Italia-Francia

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa