Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

YOOPIES: PUBBLICATO IL RAPPORTO ANNUALE SULLE TARIFFE DEL BABYSITTING

Yoopies, start-up europea nata nel 2012 e specializzata nel babysitting, ha pubblicato il rapporto annuale sull’analisi delle tariffe del settore in Italia. Purtroppo il 2017 risulta l’anno in cui queste sono aumentate vertiginosamente: la tariffa media richiesta dalle babysitter è 8,34 € rispetto ai 7,46 € del 2016. C’è stato quindi un aumento del 10,55% nell’arco di un solo anno. Inoltre c’è una differenza di circa 17% tra il Nord ed il Sud: le regioni più care sono Val d’Aosta (9,00 €), Basilicata (7,38 €) e Sardegna (8,29 €) mentre Molise (7,32 €), Campania (7,23 €) e Puglia (6,96 €) le più economiche. Le città più care risultano Ventimiglia (10,58 €), Varese (9,80 €) e Como (9,55 €); le meno care Formia (7,25 €), Cassino (7,29 €) e Ladispoli (7,31€).

Tra le cause principali la difficoltà di conciliare gli impegni lavorativi dei genitori e la vita familiare, causata dal fatto che le vacanze scolastiche (200 giorni l’anno rispetto i 175 degli altri paesi) superano di gran lunga le vacanze di 2-3 settimane dei genitori. Un altro motivo che spiega l’aumento smisurato delle tariffe è il fatto che i genitori sono diventati più esigenti e quindi ricercano babysitter più preparate che conoscono, per esempio, più lingue straniere.

Come trovare quindi una babysitter competente senza spendere una fortuna? Grazie al “bonus asilo nido”, sussidio di 1000 € ai genitori di bimbi nati, adottati o affidati dall’1 gennaio 2016, per poter pagare i costi dell’asilo, dal 17 luglio attivo online sul sito dell’Inps. Si tratta di un aiuto cui si può avere accesso senza limiti di reddito; unica condizione da rispettare è la copertura economica di 144 milioni, pertanto tutte le domande che arriveranno oltre le prime 144
mila erogazioni resteranno inevitabilmente escluse. Oltre questo aiuto esistono anche il “bonus bebè” e il “bonus mamma domani” ma sono difficilmente compresi dai genitori; questa è la ragione per la quale Yoopies.it lancerà tra qualche mese una nuova funzionalità per automatizzare gli aiuti statali.

 

Tags: Inps LuglioAgosto 2017 Yoopies bonus bebè babysitter babysitting infografica

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa