Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

FESTIVAL DELLA COMUNICAZIONE DAL 7 AL 10 SETTEMBRE A CAMOGLI

Da giovedì 7 a domenica 10 settembre, con il tema "Connessioni", si tiene a Camogli la quarta edizione del Festival della Comunicazione, diretto da Rosangela Bonsignorio e Danco Singer, ideato con Umberto Eco e organizzato dal Comune di Camogli e da Frame; il Premio Comunicazione, quest’anno alla seconda edizione, è conferito al divulgatore scientifico Piero Angela, dopo l’assegnazione nel 2016 a Roberto Benigni.

Oltre 130 ospiti racconteranno come “siamo connessi” al giorno d’oggi in più di 80 incontri visibili anche in diretta streaming sul sito del festival: ad aprire questa quarta edizione sarà il presidente del Senato Pietro Grasso con la lectio “Le connessioni della politica”. Tra i numerosi relatori, per i quali si rimanda al programma, ci saranno il filosofo Maurizio Ferraris (“Post verità e altri enigmi”), il divulgatore Piero Angela (“Demografia: la circolazione delle uova umane negli ultimi 1.000 anni”); il matematico Piergiorgio Odifreddi (“Plutarco, Keplero e Huygens: una connessione astronomica”); lo psicoanalista Massimo Recalcati (“Connessioni tra le generazioni. Vivere senza tabù?”); il geologo Mario Tozzi (“Catastrofi connettive”); i giornalisti Aldo Grasso con Edoardo Camurri (“Viaggio nell’Italia delle connessioni”), Gad Lerner (“Operai disconnessi: il lavoro che non raccontiamo più”), l’autore televisivo Carlo Freccero (“Le connessioni del potere”); il politologo Evgeny Morozov (“How disconnection became a luxury. Il lusso di essere disconnessi”); il presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Raffaele Cantone (“Media e percezione della corruzione: connessione fatale?”); gli attori Claudio Bisio, Marco Paolini (quest'ultimo con la conferenza-spettacolo “Camogli: Tecno-filò. Technology and me”); Gabriele Galateri di Genola, presidente di Assicurazioni Generali, con Carlo Purassanta, amministratore delegato di Microsoft Italia, e il giornalista Ferruccio De Bortoli (“Le vie della crescita tra globalizzazione e protezionismo: il ruolo dei servizi finanziari e delle nuove tecnologie”).

Inoltre, nelle strade e piazze cittadine saranno messi in scena diversi spettacoli: “Ogni volta che mi baci muore un nazista”, con il poeta Guido Catalano; “Il dolore pazzo dell’amore” con lo scrittore Pietrangelo Buttafuoco e i musicisti Mario Incudine e Antonio Vasta; “Ecolalie: le parole e la musica” con il fisarmonicista Gianni Coscia e il semiologo Paolo Fabbri; al Teatro Sociale di Camogli, che ha riaperto dopo 40 anni, invece “Trump blues” con il giornalista Federico Rampini, l’attore Jacopo Rampini, i musicisti Valentino Corvino e Roberta Giallo e il regista Angelo Generali; “Giorni felici” di Samuel Beckett con Nicoletta Braschi e Andrea Renzi; “La lingua misteriosa dei binari: i treni tra musica, letteratura, giornalismo” con Beppe Severgnini, la cantante Simona Bondanza, l’attrice Chiara Buratti e il pianista Piero Trofa.

Tags: Festival della comunicazione Camogli Settembre 2017 Connessioni

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa