Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

TURISMO, FRANCESCHINI: IL 2019 SARÀ L’ANNO DEL TURISMO LENTO. E LANCIA IL PORTALE DEI CAMMINI

"Come il 2016 è stato l'anno nazionale dei cammini, il 2017 l'anno nazionale dei borghi e il 2018 l'anno del cibo italiano, il 2019 sarà l’anno del turismo lento". Lo afferma il ministro dei Beni culturali e Turismo Dario Franceschini, in occasione della presentazione dell’Atlante digitale dei cammini, il nuovo portale del Mibact dedicato a chi vuole viaggiare in Italia a passo lento. "Il 2019 anno del turismo lento sarà un ulteriore modo per valorizzare i territori italiani meno conosciuti dal turismo internazionale e rilanciarli in chiave sostenibile favorendo esperienze di viaggio innovative, dai treni storici a alta panoramicità, agli itinerari culturali, ai cammini, alle ciclovie, ai viaggi a cavallo. Investire sul turismo sostenibile - ha concluso Franceschini - è una strategia di sviluppo che ha come fine la tutela e la riproposizione innovativa di luoghi, memorie, conoscenze e artigianalità che fanno del nostro Paese un luogo unico: un circuito di bellezza straordinariamente diffuso lungo tutto il suo territorio fisico, e lungo un arco di secoli di civiltà. Una strategia fondamentale per governare la crescita dei flussi turistici che ci attendiamo per i prossimi anni".

Da oggi è infatti online www.camminiditalia.it, prima mappatura ufficiale dei cammini d’Italia: un contenitore di percorsi e itinerari pensato come una rete di mobilità slow che al momento contiene oltre 40 cammini tra cui quelli dedicati ai santi quali i cammini francescani, laureatani e benedettini; quelli dedicati ai briganti come il sentiero che attraversa l’Aspromonte; il cammino di Dante che attraversa i luoghi dove visse in esilio e scrisse la Divina Commedia; il sentiero della pace che ripercorre luoghi e memorie della prima guerra mondiale; le vie Appia, Francigena, degli Dei; e tanti altri come il cammino di San Vicinio, la via degli Abati, il sentiero Liguria, la via Romea Germanica, il sentiero del Dürer. Il sito è dunque una vera e propria infrastruttura intermodale di vie verdi in cui si potrà scegliere la possibilità di muoversi lungo l’Italia a piedi, in bicicletta, a cavallo o con altre forme di mobilità dolce sostenibile, promuovendo una nuova dimensione turistica. L’idea di realizzare un portale unico dedicato ai cammini è nata durante lo scorso anno nazionale dei cammini 2016, proclamato per valorizzare 6600 chilometri di cammini naturalistici, religiosi, culturali e spirituali del turismo lento italiano. Il portale fornisce, per la prima volta, una visione di insieme dei percorsi che attraversano il nostro Paese, e permette di conoscere le connessioni tra i vari itinerari con nuove modalità di percorribilità. L’implementazione e lo sviluppo di nuovi modelli di fruizione e gestione sostenibile garantiranno e favoriranno l’integrazione ambientale – paesaggistica, con attività agricole, artigianali e turistico-culturali del sistema Paese così come indicato nel piano strategico del turismo 2017-2022.

Tags: turismo Dario Franceschini Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Novembre 2017 treni cammini cammini d'Italia

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa