Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

Aldous Huxley racconta...

951dacecbf1473d30a48fde31dbdd5c1.jpg

«Limbo» è la prima raccolta di racconti di Aldous Huxley. Pubblicata nel 1920 contiene sette racconti visionari e satirici che introducono alcuni temi che staranno alla base di tutta la produzione successiva e dell’intera opera di Huxley. Le vicende e i protagonisti delle storie, con le loro personalità tra l’esplicito e l’inafferrabile, sono inoltre ricchi di parallelismi e punti in comune con la vita del loro autore. In «Morte di Lully» una donna è colpita da un cancro al seno, la malattia che uccise la giovanissima madre dell’autore alla quale era legatissimo; e un suicidio come quello del fratello ricorre in «Eupompus diede splendore all’arte attraverso i numeri». Fra tutti però «La tragicomica storia di Richard Greenow» prende le forme di una sinistra autobiografia: dall’ambientazione fino ai fatti narrati vi sono molti punti di contatto tra il protagonista e l’autore. In questo limbo i personaggi potranno anche salvarsi dall’inferno, ma non saranno mai ammessi in paradiso. «Limbo» di Aldous Huxley - Piano B Edizioni - 13 euro

Tags: Luglio Agosto 2016

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa