Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

I sonnambuli di Broch

La trilogia romanzesca dei «Sonnambuli», pubblicata fra il 1931 e il 1932 a Zurigo da Rhein-Verlag, si apre con il romanzo «Pasenow e il romanticismo», cui seguono «Esch o l’anarchia» e «Huguenau o il realismo». La storia di ogni romanzo si svolge quindici anni dopo quella del precedente: 1888, 1903 e 1918 (le date fanno parte del titolo). Sebbene i tre romanzi affrontino tre momenti cruciali della storia tedesca - l’inizio, l’apogeo e la fine dell’impero guglielmino - non si tratta in questo caso di un affresco storico alla maniera di Thomas Mann o di Proust. Non è una saga familiare, né la vicenda biografica di un individuo. La Germania guglielmina è concepita da Broch come un laboratorio. L’unità dei tre romanzi è data non dalla continuità dell’azione, ma da una stessa domanda: che cos’è l’uomo di fronte al mondo inteso come un processo di «disgregazione dei valori»? Prefazione di Milan Kundera e postfazione di Carlos Fuentes.

«I sonnambuli» di Hermann Broch - Mimesis Editore - 35 euro

Tags: Settembre 2016

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa