Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

La transilvania di Jules Verne

In Transilvania, il castello del barone Rodolphe de Gortz sembra infestato dal demonio: i viaggiatori narrano di spaventose apparizioni e suoni orrendi; un ardito giovane del villaggio decide di verificare queste storie. Nel frattempo arriva il giovane conte Franz de Télek, convinto che la sua promessa sposa sia tenuta prigioniera dal barone, e parte a sua volta per il castello. Intanto il barone, al corrente del suo arrivo, prepara una ben poco ospitale accoglienza. Tutte le apparizioni, i mostri, gli ululati si riveleranno opera dell’assistente del barone, Orfanik, un misconosciuto genio multimediale ante litteram, inventore di macchine per registrare e proiettare suoni e immagini, costruttore di microfoni per lo spionaggio e altri dispositivi futuristici. Il barone preferirà lasciarsi perire nell’esplosione finale del castello, dopo la distruzione della sua collezione di registrazioni musicali e il conte Franz soffrirà di un esaurimento nervoso di alcuni mesi.

«Il castello in Transilvania» di Jules Verne - Piano B Edizioni - 12 euro

Tags: Ottobre 2016

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa