Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

Viaggiare è motivo di vita

Arrivare a Capo Nord è una suggestione che accompagna ogni motociclista che ama viaggiare, fin dal primo giorno che sale in sella alla propria moto. Nordkapp, come viene chiamato in Norvegia, estremo lembo di terra ferma dell’emisfero occidentale verso Nord, è contemporaneamente fascino della distanza e simbolo di sfida. «Viaggiare è motivo di vita», come scrive l’autore di questo affascinante viaggio in moto. E non solo per il fascino dell’esotico o del leggendario che il viaggio suscita nel fantastico immaginario umano.
Dichiara l’autore: «A me basta non aver mai visitato un luogo per sentirne l’attrazione. Si può quindi comprendere che le attrazioni siano ancora molte. Tuttavia sono stato in tanti luoghi, ho visitato molte città e Paesi: lontani o vicini di tutti i continenti. Ho viaggiato, di volta in volta, con tutti i diversi mezzi di trasporto che un viaggio richiede: aereo, treno, auto, bus, nave, bici e, naturalmente, moto. Sembra ovvio dire che il mezzo di trasporto è funzionale e spesso subordinato alla meta che si vuole o si deve raggiungere.
«Eppure si ha l’imbarazzo della scelta del mezzo più idoneo al viaggio da compiere. Anzi a me capita di frequente, soprattutto per i viaggi di piacere che, per una concatenata serie di suggestioni, il mezzo diviene parte fondante dell’idea stessa di viaggio. In alcuni casi non posso pensare ad un mio qualsiasi spostamento senza associarvi automaticamente la moto. E Capo Nord è una di quelle mete. Per iperbole, posso affermare che la moto è l’idea stessa di un viaggio oltre il Circolo Polare Artico. Questo è ancor più radicato in me, oggi che Nordkapp, l’estremo lembo di terra europeo, è stato raggiunto con la mia due ruote.
«Attraversare tutte le latitudini dell’Europa, raggiungerne il punto più lontano, credo sia un viaggio affascinante con qualsiasi mezzo di trasporto. I paesi scandinavi sono di una bellezza straordinaria. Ma vi assicuro che passare tra quei paesaggi fiabeschi con la moto è di una meraviglia insuperabile. Questo è il racconto di quell’esperienza, quando il mitico Polo Nord era ancora il nostro lontanissimo e apparentemente inarrivabile punto di arrivo», conclude Minnucci.
È la sensazione che si sente al passaggio del vento che indaga gelidamente il corpo e agita prepotentemente l’anima. In fondo è la stessa sensazione del viaggio che è come il vento di Capo Nord.         

«Come il vento di Capo Nord»
di Biagio Minnucci
Gangemi Editore - 20 euro

Tags: Dicembre 2016

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa