Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Articoli
  • Articoli
  • accordo strategico fsi-shanghai electric: l’ansaldo energia cede al gruppo cinese il 40 per cento e si avviano due joint venture

accordo strategico fsi-shanghai electric: l’ansaldo energia cede al gruppo cinese il 40 per cento e si avviano due joint venture

Il presidente del Consiglio dei ministri italiano Matteo Renzi con i rappresentanti delle società firmatarie dell’accordo

Il Fondo Strategico Italiano (FSI) e la Shanghai Electric (SEC), che opera nella produzione di macchinari per la generazione di energia e di attrezzature meccaniche, hanno siglato un accordo strategico di lungo periodo che prevede l’acquisizione da parte di quest’ultima di una quota del 40 per cento (400 milioni di euro) di Ansaldo Energia (AEN) e la costituzione di due joint venture tra AEN e SEC per la produzione di turbine a gas destinate ai mercati asiatici e per lo sviluppo di un centro R&S a Shanghai, entrambe sinergiche con lo stabilimento di Genova. FSI ha acquistato dal Gruppo Finmeccanica e dal fondo First Reserve una quota dell’85 per cento di AEN nello scorso mese di dicembre. Viene inoltre avviato un progetto di cooperazione tra i centri di R&S di Genova e Shanghai per lo sviluppo di una nuova tecnologia di turbina a gas.
Il closing dell’operazione è atteso entro fine anno a seguito di approvazioni governative e antitrust. L’accordo FSI-SEC è la più grande operazione Italia–Cina e quindi potrà rappresentare un importante riferimento per le relazioni industriali dei due Paesi. Esso consentirà ad AEN di avviare lo sviluppo di una nuova tecnologia di turbina a gas e di accedere ai mercati asiatici, che sono in forte crescita e rappresentano il 50 per cento del mercato globale. Consentirà inoltre ad AEN di ottenere nuovi ordini con notevoli impatti sul fatturato e l’occupazione, prevedibili in un incremento del 20 per cento del fatturato nel medio-lungo periodo, nella produzione a Genova di un numero di oltre 3 unità all’anno di nuove turbine, nella creazione di 500 nuovi posti di lavoro, incluso l’indotto.
Oltre all’intesa strategica con la Shanghai Electric, l’Ansaldo Energia ha concretizzato un accordo di collaborazione tecnologica con la coreana Doosan Heavy Industries (Doosan). Si tratta di un progetto di ricerca e sviluppo avente ad oggetto una nuova turbina a gas destinata ai Paesi con rete elettrica a frequenza 60 Hz (Nord America, Brasile, Arabia Saudita, Corea). Il progetto sarà in parte finanziato dal Governo coreano. Grazie a questo accordo, l’AEN raggiungerà nei prossimi 7 anni il 100 per cento dei mercati delle turbine a gas, con consistenti ricadute positive sul centro di R&S di Genova (che si aggiungono a quelle previste in conseguenza dell’accordo AEN-SEC): cento nuovi ingegneri assunti, di cui 35 nel primo anno.
L’insieme delle operazioni effettuate consentono al Gruppo AEN di candidarsi al ruolo di leader globale nel settore delle turbine a gas. FSI mantiene il ruolo di azionista di riferimento di AEN e conferma, quale obiettivo di medio termine per l’azienda, la quotazione in Borsa.


Il Fondo Strategico Italiano è una holding di partecipazioni con un capitale di 4,4 miliardi di euro, il cui azionista principale (80 per cento) è la Cassa Depositi e Prestiti, mentre il 20 per cento è detenuto dalla Banca d’Italia. FSI investe in imprese con l’obiettivo di farle crescere dimensionalmente e rafforzarne la competitività sia sul mercato nazionale che su quello internazionale; esso opera acquisendo quote principalmente di minoranza in imprese di «rilevante interesse nazionale» che siano in equilibrio economico-finanziario e abbiano adeguate prospettive di redditività e significative prospettive di sviluppo. FSI è un investitore di lungo termine che persegue ritorni del proprio investimento a parametri di mercato.


L’Ansaldo Energia è la più grande azienda in Italia e una tra le principali del mondo per la fornitura, l’installazione e il service di impianti e componenti per la generazione di energia, nonchè una delle migliori espressioni della tecnologia e capacità innovativa nel settore energetico. La società propone contratti che spaziano dalla co-progettazione di centrali complete, a partire dalla scelta del sito, fino al project management come EPC Contractor (fornitori chiavi in mano dell’impianto); dalla costruzione di turbine e generatori alla fornitura di parti di ricambio e di interventi di service, fino alla manutenzione sui componenti di tecnologia propria e indipendente.


Shanghai Electric è un gruppo manifatturiero cinese che ha sede a Shanghai, e la cui attività è suddivisa in quattro diversi segmenti di produzione: impianti energetici, impianti ad alta efficienza energetica, impianti industriali e servizi integrati. Controllata al 57,99 per cento dalla Commissione per l’amministrazione delle attività statali della città di Shanghai (Shanghai SASAC), è quotata nelle Borse di Shanghai e di Hong Kong con una capitalizzazione superiore ai 5 miliardi di euro. Nel 2012 ha generato ricavi superiori ai 9 miliardi di euro.   

Tags: Giugno 2014 Ansaldo Energia

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa