Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Articoli
  • Articoli
  • sanimpresa non si sostituisce al pubblico, ma lo integra arrivando dove altrimenti non si arriva, la realizzazione degli obiettivi sociali 

sanimpresa non si sostituisce al pubblico, ma lo integra arrivando dove altrimenti non si arriva, la realizzazione degli obiettivi sociali 

LUIGI CORAZZESI vicepresidente di Sanimpresa

La tutela della salute, oggi sempre meno garantita dalle limitate risorse pubbliche e dai costi proibitivi della sanità privata, può essere sostenuta dall’assistenza sanitaria integrativa attraverso la contrattazione collettiva come una opportunità per milioni di cittadini. L’assistenza sanitaria integrativa al S.S.N. (servizio sanitario nazionale) è in Italia ancora limitata, anche se, negli ultimi cinque anni presenta un trend in rapida crescita. Essa può rappresentare una risposta molto importante per integrare ciò che i L.E.A. (livelli essenziali di assistenza) del S.S.N. non garantiscono oggi alla popolazione del nostro Paese.
Sanimpresa, fin dalla sua costituzione, ha erogato le prestazioni sanitarie non previste dal Ssn mediante il rimborso dei ticket sanitari, l’inserimento di prestazioni odontoiatriche, l’assistenza alle persone non autosufficienti e l’assistenza domiciliare post-operatoria, fornendo a migliaia di famiglie la possibilità di godere la copertura dei costi che altrimenti avrebbero completamente pesato sul loro reddito.
La Cassa opera all’interno di un sistema multi relazionale, che oltre a garantire le prestazioni sanitarie ai propri associati, eroga dal 2009 servizi e prestazioni aggiuntive agli iscritti dei Fondi nazionali del terziario e del turismo (Fondo EST e FAST), operanti nella provincia di Roma. Sanimpresa, inoltre, interagisce con il sistema assicurativo, con la rete di strutture sanitarie convenzionate presenti sul territorio nazionale e con le istituzioni locali. La nostra cassa ha inoltre offerto l’opportunità di iscrivere il proprio nucleo famigliare, l’ingresso a tutte le categorie del mondo del lavoro e di mantenere volontariamente il rapporto associativo, anche dopo aver maturato i requisisti di pensione.
Generata dalla contrattazione collettiva territoriale, Sanimpresa è una Cassa unica per i tre settori terziario, turismo e servizi, e rappresenta al momento un’esperienza esclusiva nel suo genere su tutto il territorio nazionale. In questo ambito, con questa funzione offre una migliore e più completa qualità dell’assistenza sanitaria a tutti i suoi affiliati con il costo di 252 euro procapite l’anno a completo carico delle imprese. Questo modello, realizzato da quasi dieci anni nel Lazio, risponde meglio alle peculiarità dei nostri comparti, caratterizzati da una tipologia di piccole imprese, che occupano mediamente poco più di due dipendenti e che, quindi, richiedono un’assistenza specifica e permanente. Riteniamo anche, per questi oggettivi motivi, di pensare che sussistano attualmente nuovi elementi di riflessione per un approfondimento con le parti sociali allo scopo di estendere il modello conseguito nel Lazio da Sanimpresa anche ad altre regioni italiane.
Comunque rimane per noi fermo il convincimento di garantire la globalità dell’assistenza su tutto il territorio nazionale. Il nostro modello vuole essere integrativo e non sostitutivo del S.S.N. e ci proponiamo di collaborare con il soggetto pubblico; esso infatti è chiamato a determinare le linee guida per garantire l’universalità dell’assistenza sanitaria a tutti i cittadini. È da queste convinzioni e da queste sinergie che abbiamo avuto la forza per realizzare un piano sanitario, che oltre ad implementare ogni anno le prestazioni, ha reso effettivo un importante obiettivo di elevato valore sociale, che riteniamo essere di grande aiuto alle persone colpite da malattie invalidanti quali: Sclerosi Multipla, Ictus, S.L.A. (sclerosi laterale amiotrofica), Alzheimer, tumore benigno al cervello, Parkinson, o da infortunio sul lavoro.
La nostra Cassa, infatti, tramite il proprio sistema assicurativo, garantisce il rimborso delle spese sostenute per un valore massimo corrispondente a 1.500 euro mensili per una durata di cinque anni. Per raggiungere questo importante risultato, di reale welfare contrattuale, ci sono voluti anni di lungo lavoro e di complicate mediazioni tra la nostra Cassa, le compagnie di assicurazioni e gli stessi Fondi nazionali. Il nostro impegno sarà sempre più rivolto, in considerazione del costante prolungamento della vita media della popolazione, a potenziare l’assistenza domiciliare alle persone colpite da malattie invalidanti.
Inoltre, la prevenzione è un tema da sempre caro a Sanimpresa, perché riteniamo che prevenire in tempo le possibili malattie sia un bene sociale e anche un risparmio per la comunità stessa. Così nascono check-up gratuiti, uno cardiovascolare e uno oncologico, a disposizione di tutti gli iscritti da effettuare una volta l’anno e, daquest’anno, un terzo check-up, dedicato alla prevenzione delle malattie della terza età, con lo scopo di aiutare concretamente non solo i nostri iscritti, ma anche tutta la nostra comunità.  

Tags: Novembre 2014

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa