Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

La globalizzazione e il mutamento degli equilibri di potere

S.E. Amr Helmy, ambasciatore d’Egitto in Italia

L’ascesa delle nazioni è un’analisi lucida e appassionante dei grandi problemi politici, economici ed etici coi quali le società moderne in tutto il mondo dovranno fare i conti nei prossimi anni se i Governi nazionali vorranno evitare profonde lacerazioni e conflitti disastrosi per tutti.
La fame, le ingiustizie, le sperequazioni fra le classi sociali e fra gli Stati, la penuria d’acqua e di energia, la distruzione delle risorse naturali e il mantenimento di un equilibrio ambientale potranno trovare una soluzione solo se gli Stati e le grandi multinazionali saranno disposti a rinunciare ad antichi quanto ingiustificati privilegi e se troveranno un accordo su un’idea di sviluppo per tutti. La globalizzazione, da molti considerata un pericolo per gli Stati più deboli, può rappresentare, con un intervento di controllo e di equilibrio da parte dei Governi, un’occasione di sviluppo per tutti i Paesi, e in particolare per le realtà meno sviluppate o in via di sviluppo. L’istruzione, la cultura scientifica e l’innovazione tecnologica hanno la necessità di essere sostenute da politiche progressive e intelligenti perché sono l’unico strumento per la diffusione della ricchezza, della giustizia sociale e dello sviluppo in generale.
Amr Helmy esamina queste problematiche con occhio attento attraverso il filtro della sua vasta esperienza di diplomatico e la sua conoscenza dei meccanismi politici ed economici che determinano lo status e il ruolo dei Governi nazionali e dei centri di potere non governativi nel contesto mondiale. Gli Stati hanno il compito di contribuire a migliorare il progresso del mondo e adoperarsi per incrementare il prestigio del proprio Paese nel contesto internazionale, attraverso una profonda comprensione dei cambiamenti globali nel mondo politico, economico, culturale, scientifico e tecnologico.
Nel libro si discuteranno una serie di questioni che hanno un forte impatto sul tessuto delle relazioni internazionali e sulla loro complessità. Il cambiamento nell’equilibrio delle potenze mondiali e la fine del controllo mondiale da parte delle potenze occidentali sono messi in correlazione anzitutto con l’ascesa di Cina, India e Brasile, che hanno intrapreso trasformazioni peculiari senza precedenti, e il cui risultato è stato il trasferimento dei centri della crescita economica, della produzione e dell’innovazione al di fuori del cosiddetto «mondo libero». Tutto questo è fondamentale per affrontare sia il problema della crescente migrazione internazionale, causa di una serie di scontri culturali e religiosi, sia il tema relativo alla corsa frenetica per il conseguimento del progresso da parte di alcuni Stati; corsa al potere, alla ricchezza, alla forza e alla capacità di influenzare.
Il libro tratta poi della globalizzazione, dei suoi fondamenti e dei fenomeni ad essa connessa. Nonostante il concetto di globalizzazione fondi il proprio presupposto sull possibilità di creare un futuro migliore per tutti, consentendo il trasferimento di somme di denaro, beni e servizi in modo facile e agevole, si è notato come sia i Paesi in via di sviluppo si quelli sviluppati cerchino di scansare i rischi del processo di globalizzazione e le ripercussioni negative che tale processo comporta.
Inoltre affronta lo studio dell’economia, basandosi sull’analisi della moderna teoria della crescita economica, del progresso scientifico, del futuro dell’industria, dello sviluppo tecnologico e delle tecnologie che creano ricchezza. Nella parte conclusiva si indica come trarre vantaggio dalle esperienze dei Paesi emergenti, cosa è necessario fare per recuperare il ritardo con i Paesi sviluppati. Una società è in grado di progredire solamente se le élite politiche e culturali possiedono una visione illuminata, che garantisca il raggiungimento di obiettivi di avanzamento e progresso.           

Tags: Dicembre 2016

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa