Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Articoli
  • Articoli
  • “DIGITALmeet”, LA DIGITALIZZAZIONE IN AGRICOLTURA OSPITE NELL'AZIENDA VALLEVECCHIA
  • 008

“DIGITALmeet”, LA DIGITALIZZAZIONE IN AGRICOLTURA OSPITE NELL'AZIENDA VALLEVECCHIA

Tra i progressi apportati dalle nuove tecnologie senz'altro si annovera quella che potremmo definire "agricoltura digitale": innovazioni introdotte nell’agricoltura di precisione, per esempio, capaci di gestire i fattori produttivi in funzione delle esigenze della coltura e delle caratteristiche del terreno oppure applicazioni per la diagnostica e il controllo dei prodotti agroalimentari o, ancora, il web per l’e-commerce e la condivisione delle conoscenze. In merito a tali argomenti, oggi prende il via DIGITALmeet, il festival sull’alfabetizzazione digitale che consta di 140 appuntamenti e 300 speaker e di cui quest’anno l’agenzia regionale "Veneto agricoltura" (Agenzia veneta per l’innovazione nel settore primario) è partner: il mondo agricolo che vuole rinnovarsi si incontrerà lunedì 23 ottobre alle ore 10 presso l’azienda sperimentale ValleVecchia, dove l’innovazione è già una realtà sotto gli occhi di tutti.

Di proprietà della Regione Veneto e gestita come tutto il demanio regionale da Veneto Agricoltura, ValleVecchia è localizzata tra i centri urbani delle note località turistico-balneari Caorle e Bibione, e si caratterizza per essere un sito costiero non urbanizzato pur avendo subito negli ultimi 50 anni pesanti azioni di bonifica che hanno portato alla realizzazione della stessa "isola di ValleVecchia", estesa per circa 900 ettari e delimitata da acque marine, lagunari e fluviali che contribuiscono a creare situazioni di notevole complessità ed interesse ecologico. Come si presenta oggi, costituisce una sintesi delle trasformazioni operate dall'uomo nel secolo scorso. Solo dopo il 1960 è stata avviata una serie di trasformazioni per il prosciugamento e la bonifica delle superfici palustri e per lo sfruttamento dei terreni a fini agricoli. In seguito a ciò, l'isola è divenuta una distesa cerealicola adagiata su una lunga spiaggia priva di insediamenti turistici ma con un complesso sistema di dune sulle quali, negli anni precedenti il prosciugamento, era stato realizzato un rimboschimento di pini a causa del quale il paesaggio del litorale di ValleVecchia si è modificato come anche si sono modificati il microclima, il suolo e l'assetto vegetazionale semplificando notevolmente l'ambiente, divenuto scarsamente vario. All'inizio degli anni Novanta l'isola di Vallevecchia si presentava dunque come una superficie agraria priva di vegetazione arborea e arbustiva, coltivata secondo i metodi della monocoltura intensiva, delimitata da robuste arginature erbose verso nord e protetta da una fascia di pineta mista verso il litorale. Ciò nonostante, il territorio ha mantenuto importanti valenze naturalistico-ambientali, soprattutto per la presenza tra l'arenile e la pineta di uno dei maggiori sistemi dunali litoranei del Veneto e proprio per la presenza di tale particolare habitat, Vallevecchia è stata riconosciuta come "zona di protezione speciale e sito di importanza comunitaria" dalla Comunità europea. Il progetto di riqualificazione ambientale di Vallevecchia in fase di realizzazione da parte dell'agenzia regionale ha tra le finalità il miglioramento del paesaggio agrario, il ripristino di alcune peculiari situazioni ambientali dell'area e la salvaguardia della stessa dall'impatto ambientale determinato da una frequentazione incontrollata.

Il “DIGITALmeet agricolo" prevede un talk-show di approfondimento con esperti quali Maurizio Borin, dell’università di Padova, che parlerà su “L’agricoltura che cambia: tecnologie e digitalizzazione”; Antonio Boschetti, direttore de "L’informatore agrario" (La comunicazione per l'agricoltura digitale); Ugo Mattia, Coldiretti (Coldiretti con Google verso la nuova agricoltura); Lorenzo Furlan, Veneto Agricoltura (Il digitale nuova frontiera per l'agricoltura, il caso ValleVecchia). Interverranno inoltre rappresentanti delle istituzioni e del digitale: Alberto Negro, direttore di Veneto Agricoltura; Gianni Potti, founder di DIGITALmeet; Martino Cerantola, presidente di Coldiretti Veneto. Sono previste, infine, visite tecniche guidate ad alcune realizzazioni di "agricoltura 4.0".

Tags: Regione Veneto Ottobre 2017 Veneto Agricoltura agricoltura digitale DigitalMeet

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa