Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

Articoli

INFORTUNI SUL LAVORO: RESPONSABILITÀ OGGETTIVA DELL’IMPRESA

Il fatto è di quelli che, purtroppo, accadono con una certa frequenza negli ambienti di lavoro. Mentre esegue lavori di manutenzione su un autocarro provvisto di cassone ribaltabile, a causa dell’improvvisa chiusura del cassone un operaio resta schiacciato e muore. Gli accertamenti compiuti dai Carabinieri, dall’Ispettorato del lavoro e dalla Regione dicono che il lavoratore aveva manomesso gli spinotti siti sul carrello e non aveva utilizzato i puntelli di sostegno del cassone durante l’esecuzione dei lavori. Pertanto il procedimento penale per omicidio colposo, avviato dalla Procura della Repubblica di Foggia nei confronti del datore di lavoro, viene archiviato.
Gli eredi della vittima -

Tags: lavoro datori di lavoro lavoratori sicurezza Antonio Marini Giugno 2008

Leggi tutto: INFORTUNI SUL LAVORO: RESPONSABILITÀ OGGETTIVA DELL’IMPRESA

PROTEZIONI MANOMESSE: NON COLPEVOLI I LAVORATORI

Con la recente sentenza n. 4.718 del 2008 in tema di infortuni sul lavoro, la Corte di Cassazione ha anche affermato che non sussiste concorso di colpa a carico del lavoratore che abbia subito l’infortunio per aver manomesso gli apparati di protezione, ove il datore di lavoro non fornisca la prova di avergli impartito idonee istruzioni e di averlo diffidato da tale comportamento.
Secondo la Corte, la circostanza secondo cui la stessa vittima avrebbe manomesso i pistoni di aggancio del cassone al carrello, creando la situazione di pericolo, non ha alcuna rilevanza in mancanza della prova che il lavoratore sia stato debitamente istruito circa il funzionamento della macchina e delle sue...

Tags: lavoro datori di lavoro lavoratori sicurezza Antonio Marini Giugno 2008

Leggi tutto: PROTEZIONI MANOMESSE: NON COLPEVOLI I LAVORATORI

Il 28 febbraio scorso il Parlamento europeo ha respinto, con 332 voti contrari, 241 favorevoli e 87 astensioni, la relazione di Gerard Deprez recante una proposta di raccomandazione, destinata al Consiglio, sui fattori che propiziano l’appoggio al terrorismo e attirano nuove reclute fra i terroristi. Contro la relazione hanno votato il Ppe-De, che si è visto respingere una serie di emendamenti tra cui quello che raccomandava agli Stati membri di informare chiaramente gli immigrati sul fatto che...

Tags: terrorismo Antonio Marini Giugno 2008

Leggi tutto: LA PROPOSTA SULLA STRATEGIA GLOBALE RESPINTA DAL PARLAMENTO EUROPEO

I 4 OBIETTIVI DELL'IMPEGNO STRATEGICO DELL'UNIONE EUROPEA

La strategia antiterrorismo adottata dall’Unione Europea comprende quattro fondamentali obiettivi - prevenzione, protezione, perseguimento e risposta - che si iscrivono nel quadro del suo impegno diretto a combattere il terrorismo su scala mondiale nel rispetto dei diritti dell’uomo, e a rendere l’Europa più sicura consentendo ai suoi cittadini di vivere in un’area di libertà,di sicurezza e di giustizia.
Il primo obiettivo consiste nell’impedire le affiliazioni al terrorismo affrontando le cause...

Tags: terrorismo Antonio Marini Giugno 2008

Leggi tutto: I 4 OBIETTIVI DELL'IMPEGNO STRATEGICO DELL'UNIONE EUROPEA

di MAURIZIO DE TILLA

Acquisto di immobili con vincoli di piano regolatore

L’ art. 1489 del codice civile riconosce al compratore il potere di domandare la risoluzione del contratto oppure una riduzione del prezzo, conformemente alla disposizione dell’art. 1480 - dettato in tema di vendita di cosa parzialmente altrui -, nei casi in cui la cosa venduta risulti gravata da oneri o da diritti (reali o personali) non apparenti, dal medesimo ignorati e non dichiarati dal venditore, che limitino il...

Tags: contratti Maurizio de Tilla mercato immobiliare appalti immobili Corte di cassazione edilizia Febbraio 2008

Leggi tutto: GIURISPRUDENZA: VINCOLI DI PIANO REGOLATORE, CONTRATTO PRELIMINARE, ESECUZIONE DIFETTOSA APPALTI,...

Con due sentenze, emesse a pochi mesi di distanza una dall’altra, la Corte di Cassazione è tornata ad occuparsi del diritto alla casa. L’occasione è stata fornita da due vicende di occupazione abusiva di alloggi costruiti dallo IACP, Istituto Autonomo Case Popolari, avvenuta una a Roma e l’altra in provincia di Napoli. Nel primo caso si è riproposta la questione se l’esimente dello stato di necessità possa applicarsi anche a tutela del diritto all’abitazione. Al riguardo è opportuno ricordare...

Tags: occupazione casa Antonio Marini giustizia Febbraio 2008

Leggi tutto: Diritto alla casa: quando si applica l’esimente dello stato di necessità

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa