Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

L’Alliance Air introduce il suo primo ATR 72-600

Patrick de Castelbajac, amministratore delegato dell’ATR

L’Airline Allied Services, compagnia aerea regionale interamente controllata dall’Air India e operante con il nome di «Alliance Air», ha introdotto il primo ATR 72-600 nella propria flotta; il velivolo è il primo di cinque che saranno consegnati entro il mese di luglio del prossimo anno. La nuova collaborazione indiana è strategica per il mercato dell’ATR, società controllata pariteticamente dalla Finmeccanica, tramite l’Alenia Aermacchi, e dall’Airbus. Infatti questo nuovo ATR 72-600 è configurato con 70 posti a sedere e aumenterà la capacità di passeggeri che volano sulla rete regionale della compagnia aerea in tutto il Paese indiano; grazie alla nuova «cabina armonia», il 72-600 ATR proporrà ai passeggeri i più alti e i più moderni standard di comfort e di qualità. L’Alliance Air ha attualmente 4 ATR 42-320s nella propria flotta di velivoli regionali. Le eccezionali prestazioni dell’ATR 72-600 ne fanno l’unico velivolo da 70 posti in grado di operare in ogni aeroporto attualmente servito dalla compagnia aerea. «Abbiamo collaborato con l’Alliance Air per più di 10 anni, e siamo onorati per questa nuova prova di fiducia nella famiglia dei velivoli dell’ATR. Il nuovo ATR 72-600 è perfettamente adatto allo scopo della compagnia aerea nel rinnovare progressivamente la flotta con velivoli a basso consumo di carburante, mentre l’aggiunta di sedili amplia la capacità di trasporto nelle rotte aeree principali», ha dichiarato Patrick de Castelbajac, amministratore delegato dell’ATR.    (Alf. Pao.)

Tags: Febbraio 2015 ATR

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa