Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

Gruppo Cremonini, quando l’arte fa rima con cibo

Luigi Cremonini, fondatore e presidente del Gruppo

Il Gruppo Cremonini è lo sponsor principale della grande mostra «Il cibo nell’arte - Capolavori dei grandi maestri dal Seicento a Warhol», aperta al pubblico a Palazzo Martinengo, a Brescia, fino al 14 giugno 2015. La mostra offre ai visitatori l’occasione di compiere un viaggio alla scoperta della rappresentazione del cibo e degli alimenti nelle varie epoche storiche, attraverso oltre 100 opere di maestri dell’arte antica, moderna e contemporanea. Cremonini, uno dei principali gruppi europei nel settore agroalimentare, ha colto con entusiasmo l’opportunità di assistere la prima e più significativa mostra dedicata ai temi dell’Expo Milano 2015 per offrire un ulteriore approfondimento degli argomenti affrontati nella grande Esposizione Universale «Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita»; inoltre Cremonini sarà presente all’Expo 2015 con un proprio spazio espositivo all’interno del padiglione «Cibus è Italia». Grazie alla collaborazione con l’ente organizzatore della mostra, tutti i possessori della tessera Roadhouse Grill Card, presentandola alla biglietteria, possono usufruire di uno sconto speciale, acquistando il biglietto di ingresso al prezzo di 8 euro, anziché 10. Cremonini, con oltre 9 mila dipendenti e un fatturato di 3,3 miliardi di euro nel 2014, di cui oltre 34 per cento realizzato all’estero, è uno dei più significativi gruppi alimentari in Europa ed opera in tre aree di mercato: produzione, distribuzione e ristorazione.



Tags: Aprile 2015 Economia e arte Cremonini Gruppo Cremonini food Brescia Specchio gastr(ec)onomico

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa