Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

Seafuture&Maritime Technologies 2016: il mare a 360 gradi

L’ammiraglio Roberto Camerini

È stata presentata a Roma la Seafuture & Maritime Technologies 2016, evento italiano, di rilevanza internazionale, che avrà luogo nella base navale di La Spezia dal 24 al 27 maggio.  La manifestazione si afferma come piattaforma di business e confronto tecnico-scientifico tra i big player dell’economia del mare, la Marina Militare e le piccole e medie imprese ponendosi come obiettivo quello di attivare tutte le relazioni ed interconnessioni tra imprese che hanno il mare come core business: cantieri, shipping, nautica, porti, Marine Militari estere, tecnologie del mare, ambiente e pesca. La presenza delle Marine Militari estere è un fattore determinante per la conoscenza diretta delle tecnologie e delle soluzioni proposte dal sistema impresa Italia. I nuovi mercati, in particolare nel comparto Difesa, hanno visto l’affermarsi di grandi investitori come Cina, Brasile, Turchia, e di una fascia di Paesi che hanno bisogno di coniugare l’esigenza di dotazioni militari e civili con budget limitati e tempi di consegna ridotti. In questo senso l’offerta da parte del sistema industriale italiano rappresenta una buona opportunità. «La Marina Militare, dove c’è la possibilità di far crescere la cultura della marittimità, è presente. Tre i temi principali che la Forza Armata svilupperà durante il Sea Future 2016: nuove tecnologie, reffitting, dual use», ha dichiarato l’ammiraglio Roberto Camerini, Comandante Marittimo Nord della Marina Militare.

Tags: Maggio 2016

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa