Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

Do ut do, una casa reale e virtuale per una giusta causa

Emiliana Martinelli, «Kosmos»

«do ut do» è un contenitore di iniziative promosso dall’Associazione Amici della Fondazione Hospice Seràgnoli che ha lo scopo di raccogliere fondi nell’ambito delle cure palliative attraverso assistenza, formazione e ricerca. La terza edizione del 2016, sempre più tecnologica, connessa e nel segno del virtuale, ha per tema la Casa do ut do ideata da Alessandro Mendini le cui stanze sono progettate da importanti architetti e designer come Alberto Biagetti, Mario Cucinella, Riccardo Dalisi, Michele De Lucchi, Stefano Giovannoni, Alessandro Guerriero, Massimo Iosa Ghini, Daniel Libeskind, Angelo Naj Oleari, Terri Pecora, Renzo Piano, Claudio Silvestrin; padrino è il Premio Nobel Dario Fo. La Casa do ut do si potrà visitare tramite un sistema di navigazione in virtual reality 3D, sia sul web che nei musei e nelle sedi espositive che aderiscono al progetto, in video e in navigazione con visori 3D, oltre che in navigazione libera su smartphone e tablet, e sul sito dedicato doutdo.it. Ogni stanza sarà dedicata a un «Valore» che i vari progettisti hanno scelto tra quelli che compongono la qualità della vita e formano il senso più profondo di una casa, così come di una comunità, di una città, di un paese. Prossimi appuntamenti al MAXXI di Roma dal 20 al 25 settembre, al MART di Rovereto dal 3 al 10 ottobre e dal 15 ottobre al 15 novembre al MAMbo dove si potrà fare la visita virtuale alla casa.

Tags: Settembre 2016

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa