Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

Olio d’oliva il più contraffatto. Anche con betacarosene

«L’olio d’oliva è l’alimento più contraffatto. Sempre più spesso, infatti, viene fatto passare, per olio extravergine, semplice olio di semi miscelato con olio d’oliva o colorato artificialmente con clorofilla e betacarotene». È quanto dichiara Agostino Macrì, esperto per la sicurezza alimentare dell’Unione Nazionale Consumatori, stilando la classifica dell’agropirateria e delle frodi alimentari: «Oltre all’olio, i cibi più contraffatti sono latte e derivati, vino e miele e anche pasta, che spesso vantano una tipicità del tutto inesistente. Un caso emblematico è il ‘parmesan’ che è una copia taroccata del parmigiano». Secondo Macrì, le frodi alimentari possono essere di carattere commerciale o sanitario: le prime producono danni economici in quanto alimenti di valore commerciale inferiore a quello reale, e danneggiano i produttori onesti; le seconde possono essere dannose per la salute perché possono contenere prodotti di degradazione, sostanze chimiche esogene o contaminanti microbici potenzialmente dannosi. (Eli. Man.)

Tags: Gennaio 2013 agricoltura agroalimentare olio olive ulivo olivi UNC Unione nazionale consumatori

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa