Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

Cosmo-SkyMed, 10 anni fa il lancio del primo satellite

54-Donato-Amoroso.jpg

Erano esattamente le 19:35 del 7 giugno 2007 quando il primo satellite della costellazione italiana Cosmo-SkyMed fu lanciato con successo dalla California. Era il primo passo verso la realizzazione, completata nel 2010, di uno dei più avanzati sistemi di osservazione della Terra, frutto delle competenze dell’industria spaziale italiana, con Leonardo e le proprie joint venture Thales Alenia Space (Thales 67 per cento, Leonardo 33 per cento) e Telespazio (Leonardo 67 per cento, Thales 33 per cento). Thales Alenia Space è la società capocommessa, responsabile dell’intero sistema, mentre Telespazio ha realizzato il segmento di terra e ospita al Fucino il centro di comando e controllo della costellazione. Finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana, dal ministero della Difesa e dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Cosmo-SkyMed è il primo sistema di osservazione satellitare concepito a scopi duali, civili e militari. I satelliti, equipaggiati con sensori radar in banda X ad alta risoluzione, sono in grado di scrutare la Terra in qualsiasi condizione atmosferica e di visibilità e con un’altissima frequenza di rivisitazione, contribuendo in modo significativo al monitoraggio del territorio, alla sicurezza e alla gestione di eventi naturali ed emergenze. I dati dei satelliti vengono infatti acquisiti dal Centro Spaziale di Matera, dove i tecnici specializzati di e-Geos, società costituita da Telespazio e Asi, li analizzano per generare servizi a valore aggiunto. Nei primi dieci anni di attività, Cosmo-SkyMed ha catturato oltre 1 milione di scene radar in tutto il mondo, monitorando, ad esempio, i siti Unesco e generando dati fondamentali per l’osservazione dei fenomeni che toccano il nostro pianeta: dalla valutazione dei danni a seguito di disastri naturali come terremoti, frane o inondazioni, al monitoraggio delle infrastrutture critiche; dal movimento dei ghiacciai ai Poli, al controllo delle attività illegali come l’oil spill o i traffici illeciti di cose o persone. L’industria italiana sta oggi lavorando allo sviluppo della seconda generazione di Cosmo-SkyMed (CSG), che garantirà un incredibile salto generazionale in termini di tecnologia, prestazioni e vita operativa, rafforzando conseguentemente la leadership mondiale dell’Italia nel settore. «Siamo orgogliosi di festeggiare una tappa importante per la storia della nostra azienda, ossia la nascita del sistema Cosmo-SkyMed, fiore all’occhiello della tecnologia radar a livello mondiale. Dopo il successo della prima generazione e la necessità di completamento della seconda, dobbiamo guardare fiduciosi allo sviluppo della terza generazione, per garantire all’industria nazionale il mantenimento del ruolo di protagonista assoluta nel settore dell’osservazione della Terra», ha dichiarato Donato Amoroso, amministratore delegato di Thales Alenia Space Italia.

Tags: Settembre 2017

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa