Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

GALATRONA 2015 DI PETROLO È IL SECONDO MIGLIOR VINO AL MONDO PER JAMES SUCKLING

Luca-Sanjust-Vigneto-Campo-Lusso-e-Torre-di-Galatrona.jpg

Tenuta di Petrolo, storica azienda vitivinicola in Chianti oggi diretta da Luca Sanjust dopo la conduzione pionieristica della madre Lucia, ha ottenuto durante "Great wines of the world 2017" a Hong Kong un notevole riconoscimento. James Suckling, uno dei più influenti wine critic a livello mondiale, ha dichiarato "secondo miglior vino al mondo" il Galatrona Val d’Arno di Sopra Merlot Vigna Galatrona Doc 2015, che ha ottenuto 99 punti ed è stato così recensito: "Aromi fantastici di violetta, rosa e lamponi, con accenni di fragola e zucchero di canna. Corposo. Frutto fenomenale e tannini fini e setosi. Questo è il Galatrona che tutti stavamo aspettando. È un'annata che mostra profondità e potenza ma allo stesso tempo un'estrema finezza. Il migliore di sempre. Da bere a partire dal 2023 ma già adesso elettrizzante".

Il Galatrona, 100% Merlot e 20 mila bottiglie prodotte all'anno, prende il nome dalla torre che si trova sulla cima della collina nella parte alta della tenuta, che si estende su 272 ettari ad un'altezza compresa tra i 250 e i 500 metri. È uno dei vini dell'azienda che ha ottenuto negli anni maggiori riconoscimenti: nel 2016 è ricorso il ventesimo anniversario del Galatrona e Luca Sanjust per celebrarlo ama ricordare l'enologo toscano Giulio Giambelli come padre di questo vino, in quanto fu appunto lui a suggerirgli di piantare il Merlot su un banco di argilla che interrompeva la collina di galestro del vigneto più importante dell’azienda. Le proprietà di Petrolo sorgono nel Val d'Arno di Sopra, confinante con la zona sud-est del Chianti classico, caratterizzata da un terreno con presenza di galestro, alberese e arenaria con argilla. La produzione vitivinicola aziendale sin dalla seconda metà degli anni Ottanta ha mirato esclusivamente a far nascere vini di carattere e di alto livello, fortemente legati al territorio grazie ai vitigni piantati in massima parte a Sangiovese, una parte a Merlot ed una piccola parcella a Cabernet Sauvignon e continua a farlo attraverso un attento processo di selezione delle uve, una bassa produttività per pianta e uno scrupoloso lavoro in cantina.

La classifica completa è a questo link.

Tags: vino toscana Novembre 2017 Petrolo James Suckling merlot

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa