Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

NUOVA IDENTITÀ VISIVA PER CASSA GEOMETRI

Diego-Buono-presidente-cassa-assistenza-previdenza-geometri.jpg

La Cassa Italiana di Previdenza e Assistenza dei Geometri liberi professionisti ha cambiato la propria immagine istituzionale per proiettarsi tra le eccellenze internazionali in campo previdenziale. Nuovi logo, pay-off e naming quindi come primo passo di un processo di rinnovamento a trecentosessanta gradi, con servizi unici e all’avanguardia in grado di soddisfare le esigenze di tutti gli iscritti. Non a caso è «crescita» la parola chiave dell’intero iter progettuale alla base della nuova identità visiva. Il nuovo logo della Cassa di Previdenza e Assistenza dei Geometri è una spirale dalla forma avvolgente, che accompagna, infondendo protezione e sicurezza, dai colori fucsia, viola e blu, che sfumando esprimono la molteplicità dei servizi offerti. Centrale anche il movimento bidirezionale: c’è un prima e un dopo, un dare e un avere. Perché tutto quello che gli iscritti versano oggi alla Cassa verrà loro restituito rivalutato al momento della pensione. Da lì anche il pay-off scelto: oggi e domani, che esprime la continuità temporale di un viaggio da percorrere insieme, e sottolinea la responsabilità di chi costruisce oggi il suo futuro di domani. Infine, il naming: dall’acronimo finora utilizzato CIPAG si passa a Cassa Geometri. Ancora una volta con l’intento dichiarato di lasciarsi alle spalle una dimensione rigida e burocratica in favore di una visione smart, chiara e trasparente.

«Il cambio dell’identità visiva è solo il primo passo di un processo di cambiamento radicale per la Cassa Geometri. Si tratta di un percorso indispensabile per assicurare maggiore consistenza e visibilità a un’attività sempre più dinamica e sfidante», afferma Diego Buono, presidente della Cassa (nella foto). Ne è convinto anche a causa delle trasformazioni che sempre di più incidono sulle professioni al giorno d'oggi. E la Cassa Geometri punta ad attrarre sempre più nuovi talenti verso una professione ricca di stimoli e capace di ampliare il proprio raggio d’azione ben oltre il segmento tradizionale dell’edilizia, a partire dai banchi di scuola, facendosi portavoce di azioni concrete in grado di coinvolgere i ragazzi degli istituti tecnici superiori affinché intraprendano con decisione tale iter professionale: perché più si è meglio è, anche in ottica previdenziale e a medio-lungo termine. Con una particolarità però: la Cassa non è solo una cassaforte pensionistica bensì offre sostegno ai giovani per l’accesso alla professione, fornisce assistenza sanitaria - con polizze innovative che ampliano le coperture e le prestazioni per potenziare ulteriormente il welfare integrato a disposizione dei geometri - e ha soluzioni di accesso al credito agevolato con possibilità di richiedere un prestito o un mutuo con un semplice click.

Cassa Geometri è stata istituita nel 1955 come ente pubblico per la previdenza e assistenza dei geometri. Dal 1° gennaio 1995 è stata privatizzata e trasformata in associazione di diritto privato che ad oggi conta 90 mila iscritti circa: sono tutti i geometri liberi professionisti iscritti all'albo professionale che esercitano, anche senza carattere di continuità ed esclusività, la libera professione. Cassa Geometri ha archiviato il 2017 con un risultato economico di 36,2 milioni di euro e un patrimonio netto di oltre 2,3 miliardi di euro.

Tags: previdenza Novembre 2018

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa