Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 007
  • 001
  • 002
  • 003
  • 004
  • 008
  • 013

Istituto brasiliano di Statistica e conti dell’economia

Wasmália Socorro Barata Bivar, presidente dell’Istituto di brasiliano di Statistica.

Il Brasile, la potenza del futuro. Ma come sarà, davvero, nel breve periodo la situazione del Paese? L’Istituto brasiliano di Geografia e Statistica ha calcolato che il prodotto interno è cresciuto dello 0,4 per cento nel secondo trimestre, realizzando un aumento dello 0,6 per cento nel confronto con lo stesso periodo del 2011. Riguardo all’inflazione, secondo l’Indice nazionale dei prezzi al consumatore per l’anno in corso, dopo una serie di aumenti protrattisi per sette settimane consecutive, a metà settembre 2012 è passata dal 5,20 al 5,24 per cento. Per il 2013 gli analisti prevedono un aumento della stessa dal 5,51 al 5,54 per cento. Secondo il sistema di calcolo in vigore in Brasile, l’inflazione può oscillare tra il 2,5 e il 6,5 per cento; mentre nel 2011 si era attestata al 6,5 per cento, tetto massimo fissato nel programma degli obiettivi da raggiungere, per quest’anno la Banca Centrale brasiliana cerca di contenerla nel 4,5 per cento. Per quanto riguarda il tasso ufficiale di sconto nell’economia brasiliana, che attualmente è pari al 7,50 per cento su base annua, per la fine di quest’anno l’aspettativa del mercato finanziario punta sul 7,25 per cento. Secondo l’Istituto di Statistica, ciò farebbe ritenere prossima la riduzione di un ulteriore 0,25 per cento da parte della Banca Centrale. Riguardo al saldo della bilancia commerciale, la previsione degli economisti per il 2012 indicava, a metà dello scorso mese di settembre, una diminuzione da 18,04 miliardi a 18 miliardi di dollari, mentre nel 2013 il saldo positivo dovrebbe ridursi da 15 miliardi a 14,57 miliardi di dollari. Per gli investimenti stranieri in Brasile l’ammontare previsto per l’anno in corso pari a 55 miliardi di dollari è rimasto inalterato; non così per il 2013, quando l’apporto di investimenti esteri, previsto dagli analisti in 59 miliardi di dollari, scenderà a 58 miliardi.

Tags: Gennaio 2013

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa