Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

Rioma - Tutto sul Brasile

Raffaele Trombetta,  ambasciatore italiano a Brasilia

La prima capitale del Brasile fu Salvador. Fu sostituita da Rio de Janeiro ma solo sino al 21 aprile 1960, quando fu, infine, trasferita a Brasilia al fine di spostare il centro decisionale del Paese dalla costa verso le regioni dell’interno, praticamente spopolate, e verso i territori settentrionali. La prima menzione del nome di Brasilia per la futura città appariva in un foglio anonimo del 1822. Fu Juscelino Kubitschek de Oliveira, presidente della Repubblica federale brasiliana dal 1956 al 1961, ad attuare la norma costituzionale che, nel 1891, prevedeva la costruzione della futura capitale nella regione Centro-Ovest; all’interno dello Stato di Goiás il presidente mineiro diede inizio...

Tags: Maggio 2015

Continua a leggere

L’onorevole Fabio Porta, presidente dell’Associazione Amicizia Italia-Brasile

Premessa: il Brasile e l’Italia sono legati da solidi legami di amicizia consolidati nel corso dei secoli. Il contributo dato dagli italiani alla formazione della nazione brasiliana è un fatto storico che si rappresenta sinteticamente nella semplice constatazione che ben circa trentacinque milioni di brasiliani sono da considerarsi italo-discendenti. I legami con la cultura italiana in Brasile e l’attenzione verso la cultura brasiliana in Italia sono un fatto acquisito che lega intimamente i due Paesi in un flusso continuo di scambi culturali, economici, sociali. Tra le istituzioni democratiche dei due Paesi esistono forti vincoli di amicizia e proficui rapporti di collaborazione...

Tags: Aprile 2015

Continua a leggere

Max De Tomassi, conduttore di «Brasil» in onda su Radio Rai Uno dal 2001

Il padre gli regalò, per la maturità classica, un biglietto per il Brasile. Rimase 3 mesi a Rio de Janeiro. Durante la conduzione di un piccolo programma radiofonico a Roma, aveva già conosciuto la manager dei più grandi artisti brasiliani, che contattò una volta giunto a Rio; lei subito lo prese sotto la sua ala protettrice. Famosissima per essere stata la zia dei due rivoluzionari del movimento tropicalista, Gilberto Gil e Caetano Veloso, in quanto zia delle due cugine carnali che i cantanti...

Tags: Marzo 2015

Continua a leggere

L’onorevole Marina Sereni, vicepresidente della Camera e presidente della Commissione parlamentare Italia-Brasile

L’Italia è amica del Brasile sotto vari aspetti: non solo perché ne ama il Carnevale e le spiagge ascoltando bossa nova, ma anche e soprattutto sotto il profilo istituzionale. Sono diverse le iniziative e diversi i livelli in cui le nostre istituzioni collaborano costantemente con quelle brasiliane e mantengono un rapporto basato sugli scambi e l’informazione, lo studio dei modelli precipui, lo sviluppo della reciprocità, l’osservazione, il dibattito. Uno dei primi esempi di amicizia...

Tags: Febbraio 2015

Continua a leggere

Polizia per le strade di Rio de Janeiro e una  manifestante avvolta dalla bandiera brasiliana

Chiude con questa quinta ed ultima parte il nostro servizio basato sul Dossier che il Comitato popolare della Coppa e delle Olimpiadi di Rio de Janeiro ha pubblicato a giugno del 2014. Dopo aver affrontato i molteplici temi - dalle rimozioni forzate delle comunità dalle proprie residenze, agli scandali dei trasporti e della mobilità, agli sprechi pubblici, alla mercantilizzazione e alla speculazione di pochi, all’elitarismo, alla sottoposizione di tutte le minoranze, soprattutto povere e...

Tags: Gennaio 2015

Continua a leggere

Il gruppo di 13 favelas appartenente al Complexo do Alemão,  e, in primo piano, il «Teleférico», primo sistema di trasporto con cavi in Brasile, realizzato da un gruppo privato

Rioma si addentra ancora una volta nell’analisi del Dossier «Megaeventi e diritti umani a Rio de Janeiro», pubblicato dal Comitato popolare per i Mondiali e le Olimpiadi di Rio de Janeiro, un lavoro molto attento e crudo sulle ingiustizie compiute dal potere pubblico e dalle imprese private appaltatrici ai danni dei cittadini. Nei numeri precedenti di Specchio Economico abbiamo parlato di favelas, occupazioni abusive, rimozioni coatte, soprusi ambientali, monopoli commerciali e così via. La...

Tags: Dicembre 2014

Continua a leggere

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa