Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Rubriche
  • Le Ultimissime
  • LA RINASCITA DELLE ICONICHE DISTILLERIE DI SCOTCH “PERDUTE”: PORT ELLEN E BRORA RIAPRIRANNO GRAZIE A DIAGEO
  • 007
  • 001
  • 002
  • 003
  • 004
  • 008
  • 013

LA RINASCITA DELLE ICONICHE DISTILLERIE DI SCOTCH “PERDUTE”: PORT ELLEN E BRORA RIAPRIRANNO GRAZIE A DIAGEO

Port Ellen e Brora, due delle distillerie non più in attività dal 1983 e pertanto considerate “perdute”, stanno per essere riaperte grazie alla società leader mondiale nel settore dello scotch whisky Diageo, che ha investito ben 35 milioni di sterline nel progetto. Dalla chiusura, i whisky una volta lì prodotti sono diventati alcuni tra i più ricercati per la qualità e il carattere inconfondibile, elevando queste distillerie fantasma quasi a luoghi di culto per appassionati e collezionisti.

La distilleria di Port Ellen, sulla famosa isola del whisky di Islay a qualche miglio di distanza dalla distilleria di Lagavulin, e quella di Brora, nella remota costa est del Sutherland, saranno entrambe rilanciate e rimesse in attività per la produzione di quantità attentamente controllate replicando, ove possibile, i regimi di distillazione e il carattere degli stabilimenti originali. Anche gli impianti di riempimento delle botti e di stoccaggio tradizionale saranno inclusi in entrambi i siti. Le distillerie disporranno inoltre di sedi dedicate all’accoglienza dei visitatori, destinate a diventare delle attrazioni del turismo scozzese per i pellegrini del whisky provenienti da tutto il mondo.

Nick Morgan, head of whisky outreach Diageo, che ha avuto un ruolo fondamentale nella costruzione della fama di questi whisky attraverso il programma “Diageo special releases” attivo dal 2001, si è fatto portavoce dei piani della società dichiarando che Port Ellen e Brora sono nomi con una risonanza unica e l’opportunità di riportare alla vita queste distillerie che ormai si credevano perdute è rara e speciale. Essendo infatti pochissimi coloro che avranno la possibilità di gustare i single malt originali di Port Ellen e Brora data la loro rarità, Diageo è entusiasta di poter realizzare whisky per deliziare e ispirare nuove generazioni di appassionati in tutto il mondo partendo da scotch sempre più rari che rischiavano di scomparire.

Le distillerie di Brora e Port Ellen saranno tra le distillerie più piccole di Diageo, in grado di produrre 800.000 litri di alcol all’anno. L’obiettivo sarà la riproduzione più accurata possibile delle note tipiche di Port Ellen e Brora, con un carattere mediamente torbato in entrambi i siti.

Considerando le tempistiche per i consensi di pianificazione e normativi, un progetto dettagliato, i lavori di costruzione e messa in funzione, si stima che le distillerie torneranno in attività entro il 2020

Tags: Ottobre 2017 Diageo scotch whisky

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa