Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

ATR: ULTERIORI CONSEGNE PER UN 2018 ALL'INSEGNA DEL SUCCESSO

ATR, produttore europeo di aerei turboelica, è il leader mondiale nel mercato dell'aviazione regionale: progetta, produce e fornisce aerei e in particolare proprio oggi celebra la consegna n. 1.500, oggetto della quale è l'ATR 72-600 consegnato alla Japan Air Commuter alla fine di ottobre (nella foto). Questo rappresenta l'ultimo successo in un anno di pietre miliari per il produttore di aeromobili, dopo la consegna del millesimo ATR 72 a luglio e del cinquecentesimo ATR -600 ad agosto.

Dal 2010, il 75% delle vendite di turboelica sono state di ATR e attualmente l'azienda detiene la più grande quota di mercato di tutti gli aeromobili regionali. Quasi 500 ATR 42 da 50 posti e oltre 1.000 72 ATR da 72 posti sono stati consegnati a più di 200 operatori in 100 paesi. Il primo velivolo della compagnia, l'ATR 42, è stato inaugurato con la prima consegna all'operatore regionale francese Air Littoral. Successivamente, ATR ha lanciato una versione più grande dell'aereo, l'ATR 72, consegnato per la prima volta a Finnair. L'ultima e più moderna versione del velivolo, la serie -600, è stata lanciata nel 2009 con la prima consegna a Royal Air Maroc nel 2011.

E proprio la compagnia di bandiera nazionale marocchina aggiunge ora un ulteriore ATR 72-600 alla sua flotta, portandola in totale a sei ATR 72-600. L'aeromobile verrà consegnato entro la fine dell'anno e avrà la stessa configurazione a doppia classe dell'attuale flotta ATR della compagnia RAM.
 
L'amministratore delegato di ATR, Stefano Bortoli, ha commentato: "Vedere il cliente di lancio della serie ATR -600 ripetere un ordine è per noi vero motivo di orgoglio, poiché convalida la qualità duratura del nostro prodotto e dimostra che è la soluzione ideale per le sfide della connettività regionale in Africa. Royal Air Maroc sta selezionando un velivolo che offre il 40% di vantaggio in termini di consumo di carburante, i più bassi costi operativi e una cabina moderna e confortevole, acquistando quindi il meglio sul mercato".
 
Abdelhamid Addou, presidente e CEO di Royal Air Maroc, ha dichiarato: "Questo ATR 72-600 verrà aggiunto alla nostra flotta in modo agevole, dal momento che stiamo già utilizzando cinque ATR. L'aeromobile è provato a livello operativo in Marocco e offre ai nostri passeggeri una cabina confortevole. È un buon velivolo che completa la nostra flotta a corridoio singolo e ci consentirà di adattare ancora meglio la nostra capacità sul mercato nazionale e regionale, offrendo più opzioni di volo ai nostri passeggeri".
 
Royal Air Maroc è stato il cliente di lancio per la serie ATR -600 e ha preso in consegna il primo ATR 72-600 nel 2011. Nei seguenti sette anni, ATR ha consegnato in totale oltre 500 velivoli della serie ATR -600, diventando il leader di mercato nel segmento regionale grazie alla sua economia imbattibile, la cabina ampia e confortevole, la flessibilità operativa e avionica all'avanguardia.
 
Nel 2018 ATR ha consegnato ATR 72-600 in Africa a Air Sénégal e Air Botswana; EWA Air e Royal Air Maroc saranno i prossimi a ricevere i loro nuovi ATR-600 prima della fine dell'anno.
 
In termini di prospettive di mercato, l'Africa e il Medio Oriente avranno bisogno di 350 turbopropulsori nei prossimi 20 anni, per servire 300 nuove rotte che svilupperanno ulteriormente l'aviazione regionale. La connettività regionale supporta le economie locali, con un aumento del 10% dei voli che generano un aumento del 5% del turismo, un aumento del 6% del PIL locale e dell'8% in più degli investimenti esteri diretti.

 

 

Tags: africa aereo ATR Marocco trasporto aereo compagnie aeree linee aeree Novembre 2018

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa