Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • Home
  • Articoli
  • Articoli
  • RAPUNZEL AL BRANCACCIO: LORELLA CUCCARINI E ALESSANDRO LONGOBARDI, UNA PRODUZIONE VIOLA E TUTTICOLORI

RAPUNZEL AL BRANCACCIO: LORELLA CUCCARINI E ALESSANDRO LONGOBARDI, UNA PRODUZIONE VIOLA E TUTTICOLORI

Roma, 21 novembre 2022. Tutto il cast di Rapunzel si riunisce al Teatro Brancaccio, diretto da Alessandro Longobardi, insieme alla "cattiva" Lorella Cuccarini e all'autore Maurizio Colombi per descrivere l'inizio di quelli che saranno i giorni dello spettacolo natalizio romano, da una parte, e dall'altra del ritorno del genere Musical a Roma, e in Italia, dopo il fermo del Covid. Anche di Rapunzel, che era stata già un'ospite di Via Merulana, a sancire l'inizio di un nuovo tempo per il teatro esquilino che ha visto, dalla sua inaugurazione nel 1916, calcare il proprio palco, tra gli altri, Ettore Petrolini, Totò, Anna Magnani, Fabrizio De André, Jimi Hendrix, Louis Armstrong.

Oggi un gruppo solido, attivo, corale, che porta giovamento alla cultura e all'emozione attraverso un'attività non solo rappresentativa, ma anche produttiva, che si è posta a rivisitazione di un settore altrimenti destinato a (de)cadere. Da una parte, c'è, dal 2 dicembre (2022) all'8 gennaio (2023) la più amata dagli italiani, che scende dagli scalini televisivi e dai reality alla De Filippi (è docente di Amici) per (finalmente) riavvicinarsi al pubblico fisico che - se è vero quanto affermava nel gioco di parole Scavolini - la ama tanto: la Cuccarini, televisiva, eclettica, sorridente e "sembra simpatica nonostante il successo di sempre", la quale - dicono i suoi colleghi di Rapunzel - è cresciuta proprio grazie a Rapunzel. Ad essere precisi non a Rapunzel, ma alla perfida di Rapunzel, Gothel. E infatti, per il regista milanese Colombi, alfiere dei family show italiani:

"Lorella Cuccarini torna molto più matura, in grado ormai di vestire i panni drammatici di personaggi anche skakesperiano o goldoniani. Si vedrà come riesce a passare, in un attimo, da un personaggio giovane ad una vecchia come fosse l'attrice di sempre". 

La Cuccarini lo bacchetta, "fallo dire a loro, che non entrino in teatro aspettandosi una grande diva e restandone delusi!", e intanto ammette di essere molto cresciuta grazie a questa partnership, già in voga in precedenza:

"Avevo molta voglia di tornare a calcare i palchi, soprattutto rivedere gli spettatori. Questa è una grande occasione: riunire genitori e figli, sentirli ridere a differenti battute, trattandosi di uno spettacolo che si adatta a tutti, e ridare vita alla vita post Covid".

 
Lorella Cuccarini, Alessandro Longobardi e Maurizio Colombi

Dall'altra parte c'è Longobardi, che nel 2014 conobbe Maurizio Colombi, regista e autore milanese che stava sviluppando un nuovo progetto. Da quell’incontro, in un bar vicino alla stazione di Milano, si pose il seme che diede i suoi frutti, come il ritorno della Cuccarini in teatro, la nascita del Centro di produzione - Viola Produzioni - e della squadra di professionisti che mise la sede operativa nel Teatro Brancaccio e nel nascente spazio Impero, dove furono realizzate nel tempo sale prova e un’accademia di teatro.

"Dovetti decidere, dopo due stagioni al Brancaccio che andarono bene ma che obiettivamente non permettevano di sostenerci economicamente, di procedere su un altro piano. Ne parlammo e capimmo di voler rischiare, così creando l'attività produttiva di cui avevamo bisogno. Da allora i Musical hanno iniziato a calcare le scene. È stato un rischio, ma ha reso il risultato sperato: il mantenimento degli spettacoli, e la possibilità di creare, con il patrimonio nostrano, spettacoli ispirati alle grandi fiabe".

Diede così avvio certo al lungo viaggio intrapreso nel 2001 per creare una filiera produttiva ove programmazione, produzione e distribuzione convivessero. Proprio Rapunzel ha avuto un ruolo importante nella recente storia del centro di produzione teatrale, sotto l’egida di Viola Produzioni: ne è, di fatto, la genesi. E da lì i colori superano il viola e arrivano a irrompere tutti nel tempio che è stato di Gigi Proietti, e che è della romanità gelosia e orgoglio.

Così, se si iniziò con Rapunzel, si re-nizia con Rapunzel: come allora, anche adesso la sfida di riportare a teatro le famiglie che fino a poco fa, sono state abbattute dal Covid e confinate in casa in una sorta di clausura, già terminata da tempo ma ancora nel patrimonio psicologico collettivo. 

Si conferma il gruppo creativo della prima edizione del 2014, che mantiene intatta la sua armonia e dà valore alla  tradizione delle esperienze artistiche e artigianali italiane. Rapunzel, scritto da un gruppo di autori diretti da Maurizio Colombi, è una versione della celebre fiaba dei fratelli Grimm che viene rielaborata trasformando Gothel, sorella di Grethel e matrigna di Rapunzel, in protagonista principale (Cuccarini) e trasponendo tutta l’opera nel genere Musical. Dopo il successo delle recite romane, lo spettacolo iniziò il tour tra i principali teatri italiani per due strepitose stagioni, diventando a buon diritto un classico del musical, amato da grandi e piccini e acclamato da più di 150 milaspettatori.  

 

Lorella Cuccarini è la protagonista assoluta nel ruolo della perfida Gothel, matrigna di Rapunze, interpretata invece dal soprano Silvia Scartozzoni, già al fianco della Cuccarini in La Regina di Ghiaccio. Il tenore Renato Crudo, già in Aladin e Aggiungi un posto a tavola, è Phil, ladro innamorato di Rapunzel. 

Musiche e testi originali, tutti composti dal direttore musicale Davide Magnabosco insieme ad Alessandro Procacci e Paolo Barillari. L'unione di stili musicali diversi si amalgama perfettamente creando situazioni emozionali in simbiosi con i personaggi, le scene e i costumi; Magnabosco ha convocato in studio di registrazione un team di musicisti diversi (Alex Polifrone, Eugenio Mori, Marco Brioschi) e ha curato personalmente la stesura dell'orchestrazione sinfonica, che accomuna tutti i brani del musical. Gli arrangiamenti corali di Alex Procacci spaziano da sonorità gospel a brani più classici, valorizzando le voci dei solisti e di tutto il cast con momenti corali. 

Sull'impianto musicale ballano le coreografie e i movimenti corali firmati da Rita Pivano, nel contesto di un progetto scenografico del bravo Alessandro Chiti, che rilegge in chiave moderna le ambientazioni della fiaba medievale. L’impianto scenico si compone di oltre 15 quadri in continuo movimento grazie al lavoro esperto, dei tecnici. Gli effetti speciali arricchiscono di stupore l’intero spettacolo, insieme ai costumi di Francesca Grossi tramite la sartoria in-house del Teatro Brancaccio.

La cifra stilistica che Colombi usa dare ai suoi spettacoli, invece, è nota e richiama la sua passione per l’effetto “cartoon”, ripreso nei costumi, nel trucco, nelle coreografie e anche in alcuni momenti recitativi come nella mimica degli attori caratteristi. Gran parte dei recitati sono accompagnati e ritmati da effetti sonori suonati dal vivo da tastiere e percussioni. Nello spettacolo viene realizzata anche una sorta di “double fiction” in teatro, dove i personaggi reali sul palco si trasformano in disegni animati in video, in un continuo scambio tra realtà e animazione.

Ne risulta che:
ALESSANDRO LONGOBARDI presenta 
LORELLA CUCCARINI Gothel
SILVIA SCARTOZZONI Rapunzel
RENATO CRUDO Phil
musiche originali DAVIDE MAGNABOSCO, ALEX PROCACCI, PAOLO BARILLARI 

e il cast:

MAURIZIO SEMERARO Re/Polifemo/Popolano ROSSELLA CONTU Regina/Guardia MATTIA INVERNI Segugio/Macellaio/Popolano GIACOMO MARCHESCHI Cantastorie/Igor/Popolano/Guardia ANDREA SPATA Capitano/Milord/Popolano MARTINA LUNGHI Rosa/ Locandiera/Popolana/Guardia MATILDE PELLEGRI Spina/Nutrice/Popolana ALFONSO MOTTOLA Nobile/Popolano/ Guardia/Brigante JONATHAN GUERRERO Bambino/Gamba Di Legno/Ciambellano/Popolano ELEONORA PELUSO Bambino/Popolana/Guardia CARLOTTA SIBILLA Bambina/Popolana/ Brigante/Guardia YLENIA TOCCO Bambina/Popolana/Guardia ERIKA MARINIELLO Popolana IVAN TRIMARCHI Druido/Popolano/Guardia ELEONORA SEGALUSCIO Nobile/Popolana TERESA MORICI Rapunzel Bambina
nelle repliche per le scuole in matinée il ruolo di Gothel sarà interpretato da Rossella Contu
e il ruolo della regina da Eleonora Segaluscio
scene ALESSANDRO CHITI
costumi FRANCESCA GROSSI 
suono FRANCO PATIMO
direzione musicale e arrangiamenti DAVIDE MAGNABOSCO
coreografie RITA PIVANO
effetti di magia ERIX LOGAN effetti speciali aerei MAX MARTINELLI direttore di produzione CARLO BUTTÒ
direzione artistica ALESSANDRO LONGOBARDI aiuto regia MANUELA SCRAVAGLIERI assistente di produzione VALERIA SERRAINO assistente coreografo FRANCESCO SPIZZIRRI
vocal coach/cori ALEX PROCACCI direttore di scena ALESSANDRO CATALANO capo macchinista CRISTIAN CARCIONE macchinista ANDREA BECCHETTI macchinista PASQUALE BERTUCCI datore luci CHRISTIAN ANDREAZZOLI e MATTEO RUBAGOTTI elettricista SERGIO SALES fonico di sala FRANCO PATIMO microfonista FABIO RIVELLI  
trucco Micol Bartoluccisarta FRANCESCA GROSSI realizzazione costumi SARTORIA TEATRO BRANCACCIO
realizzazione scenografia SHAPER SCENE/SCENARIO impianto audio e luci SUONO E LUCI
realizzazione video MAATVISUAL&MAPPING trasporti EMANUELE FRAGARIA foto di scena MASSIMILIANO FUSCO foto di copertina Cuccarini CLAUDIO PORCARELLI foto di copertina DAVIDE MUSTO videomaker DEBORA MANZO coordinamento comunicazione e concept grafico LIVIA CLEMENTI grafica MARCO SPADONI ufficio stampa SILVIA SIGNORELLI COMUNICAZIONE E SERVIZI press & digital Pr BARBARA CASTIELLO pianificazione media MONICA CANNISTRARO

scritto e diretto da MAURIZIO COLOMBI
Produzione VIOLA PRODUZIONI
TEATRO BRANCACCIO
2 DICEMBRE 2022 – 8 GENNAIO 2023

Romina Ciuffa

Tags: teatro spettacolo Novembre 2022

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa