Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

  • 008

NUOVA CITTADELLA DELLO SPORT A TORTONA

È stato presentato il progetto della nuova «Cittadella dello Sport» di Tortona, che accoglierà un palazzetto oltre a numerosi impianti sportivi polifunzionali e spazi per il tempo libero e la cultura. Beniamino Gavio, presidente del Gruppo omonimo, Roberto Tava e Marco Picchi, presidente e amministratore delegato del Derthona Basket, e Gianandrea Barreca dello studio progettista Barreca & La Varra, in occasione della presentazione hanno illustrato il progetto, per il quale si attende la posa della prima pietra, tenuto conto dei tempi autorizzativi, a inizio 2019 per una durata di circa 15 mesi.

Il progetto, a cura dello studio di architettura Barreca & La Varra di Milano, prevede la realizzazione di una nuova area ad uso sportivo e ricreativo di 68.000 mq, situata in località San Guglielmo. Elemento centrale della cittadella sarà il nuovo palazzetto, destinato allo svolgimento di partite di pallacanestro del Derthona Basket ma anche di spettacoli e concerti per una capienza massima di 5.000 spettatori, con una superficie coperta di circa 5.200 mq e un diametro di copertura di 80 metri. Il palazzetto si compone di un piano interrato, in cui trovano luogo spogliatoi e locali tecnici, del piano terra e di due livelli superiori. L’accesso degli spettatori avviene al piano terra in diretta continuità con lo spazio esterno. I percorsi orizzontali si sviluppano internamente tramite un anello continuo sul quale si affacciano alcuni spazi commerciali, una palestra e i servizi. Dall’anello al piano terra si accede alle tribune e si ha la possibilità di raggiungere il primo e il secondo anello tramite collegamenti verticali puntuali. Il secondo piano, che ospita gli spazi per la stampa e le lounge, appare come un «disco» a delimitare il camminamento esterno. La copertura del palazzetto sarà praticabile, disponibile per attività ricreative, e raggiungibile tramite un sistema di rampe dall’esterno.

Nelle aree limitrofe verrà realizzato un edificio di due piani che ospiterà il quartier generale del Derthona Basket e il campo di allenamento. La restante area esterna, dedicata prevalentemente al pubblico, ospiterà altri campi sportivi polivalenti. Inoltre, verranno realizzati padiglioni dedicati alla ristorazione, all’informazione e al tempo libero. Nell’area più ad ovest verrà realizzato un parcheggio di circa 17.000 mq mentre nell’area ad est sorgeranno due parcheggi più piccoli, entrambi di 6.000 mq, per atleti e staff del Derthona Basket e per la squadra e gli spettatori delle squadre ospiti.

Il complesso sarà dotato di un sistema centralizzato con pompe di calore aria-acqua a basso GWP (global warming potential) in grado di produrre da fonti rinnovabili l’energia termica per il riscaldamento e l’energia frigorifera per il raffrescamento estivo; non è infatti previsto l’uso di gas metano o caldaie a combustibili fossili. Il palazzetto utilizzerà l’energia prodotta dalla centrale con un efficiente sistema studiato per garantire minimi consumi ai vari scenari d’uso; gli impianti elettrici sono progettati con criteri di modularità, sicurezza, compatibilità ambientale, ed efficienza.

L’obiettivo della famiglia Gavio, che sosterrà i costi di costruzione del progetto, è creare uno spazio aperto a tutti, ai cittadini del territorio, ai giovani, alle loro famiglie in cui realizzare strutture per lo sport, per il tempo libero, per la cultura oltre che ad assicurare al Derthona Basket un impianto all’altezza degli ambiziosi progetti del club per i prossimi anni; l’intento è creare un volano di sviluppo e attrattività per tutta l’area di Tortona, della provincia di Alessandria nonché del basso Piemonte e delle limitrofe città di Genova e di Milano.

L’iniziativa risponde alle politiche del Gruppo e della famiglia Gavio finalizzate ad investire in progetti che aiutino lo sviluppo sportivo, sociale e culturale del territorio, in linea con le strategie di sostenibilità e di responsabilità sociale sviluppate negli anni. Così il presidente Beniamino Gavio: «La realizzazione della “Cittadella dello Sport”, che dedicheremo ai nostri genitori e fondatori del Gruppo, Marcellino e Pietro Gavio, è una dimostrazione concreta del legame che da sempre unisce la nostra famiglia al territorio. Un territorio in cui, dapprima i nostri genitori ed ora noi, operiamo e viviamo, dov’è il cuore delle nostre attività. Sentiamo forte il senso di responsabilità sociale e dunque l’impegno a lavorare insieme alle istituzioni, alle persone, ai nostri collaboratori e dipendenti per promuovere il territorio e creare uno sviluppo sostenibile. Crediamo fortemente nel binomio tra economia globale ed economia locale, nella simbiosi tra industria, sviluppo e territorio. In questo ambito realizzeremo il progetto della “Cittadella dello Sport” per offrire alla città e al territorio uno spazio per manifestazioni sociali, culturali, ricreative e sportive. Lo sport inteso innanzitutto come forma di aggregazione ed infatti il nostro vero orgoglio sarà di contribuire alla diffusione e alla pratica giovanile dello sport e della pallacanestro in particolare, coinvolgendo i ragazzi e magari allevando in casa qualche futuro campione per il Derthona Basket».

 

Tags: Genova alessandria Milano architettura Piemonte Giovanni La Varra Gianandrea Barreca Barreca & La Varra sport Gavio

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa