Il nostro sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie che usiamo ci permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non ci permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Clicca su OK per chiudere questa informativa, oppure approfondisci cliccando su "Cookie policy completa".

LAZZERO, L'OLIO DEL RE IN VISITA AD OLIO CAPITALE

Un'altra azienda agricola che ha investito in cultivar rare nel tentativo di recuperarle e riportarle a una diffusione maggiore è la pisana Podere San Bartolomeo.

Nelle parole del responsabile della produzione Federico Pennesi, Podere San Bartolomeo “nasce per operare prodotti agricoli di qualità, come ad esempio e soprattutto l’olio extravergine di oliva; abbiamo anche cominciato a produrre alcuni prodotti di selezione. Per questo lavoriamo con i migliori frantoi esterni: adesso che abbiamo quattro linee di olio ognuna ha il proprio frantoio. Abbiamo ultimamente lavorato sulla ricerca di cultivar particolari autoctone del nostro territorio: tra queste ci siamo concentrati sul Lazzero, una varietà antica che nasce nella Val di Cecina tra Pisa e Volterra, e che nel corso degli anni è stata abbandonata. In passato il prodotto dei suoi frutti era definito ‘olio del re’ perché dedicato esclusivamente alle personalità estremamente importanti. Un olio derivante da una cultivar la cui storia ci ha appassionato da subito: questo ci ha portato a selezionare 20 piante tra quelle che erano rimaste nel nostro oliveto; da qui abbiamo creato il futuro riproducendo cerca 1000 piante che impianteremo ad ottobre. Lavoriamo sul territorio, sulla nostra storia, su questo olio che è esclusivo della nostra terra. Vorremmo legare un prodotto all’azienda e quindi averne uno che ci identifica e che in questo caso è un olio con caratteristiche di unicità in quanto monocultivar di Lazzero, una varietà con il giusto equilibrio tra piccante e amaro, una lunga persistenza e sentori particolari che lo rendono peculiare. Come il carattere delle persone, ogni olio ne ha uno. Siamo sicuri che racconterà la nostra azienda e la nostra avventura per i prossimi anni e su questo abbiamo scommesso. Vedremo se il futuro ci darà ragione”.

 

TRIESTE CAPITALE DELL'OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

 

nella foto, Federico Pennesi e la titolare Simona Spinelli

 

Tags: agricoltura agricoltori toscana Giosetta Ciuffa aziende agricole olio olive Trieste food Pisa Marzo 2019 Olio Capitale

© 2017 Ciuffa Editore - Via Rasella 139, 00187 - Roma. Direttore responsabile: Romina Ciuffa